Archivio di marzo 2008

UN’ALTRA OVERDOSE DI PROIBIZIONISMO: MUORE UN DICIANNOVENNE AL RAVE PARTY DI PASQUA 2008
Puntata di Jalla Jalla, programma di Radio Città del Capo di Bologna, dedicata alla vicenda del ragazzo morto al rave party di Pasqua 2008 a Milano con l’intervento telefonico di Massimo Lorenzani, coordinatore del Lab57 e Pierfrancesco Pacoda, scrittore.
>>Ascolta la puntata di Jalla Jalla..

A distanza di un anno o poco più muore un altro ragazzo nella periferia industriale di Milano durante un rave-party.
Allora fu un’overdose di eroina, questa volta un letale mix di sostanze sconosciute di cui difficilmente sapremo in seguito qualcosa dai media ufficiali a cui basta gridare allo scandalo mostrando tutto il peggio del peggio riguardo al fenomeno “rave-party”, che sembrano di colpo il condensato diabolico di tutto il “degrado e l’illegalità” che traviano giovani allo sbando.
Vergognosa la risposta, sempre e comunque repressiva, della politica e delle istituzioni che ipocritamente fingono di non sapere nulla di questi eventi, pubblicizzati on-line a volte anche mesi prima e lasciati solo nelle mani delle forze dell’ordine o del 118, mentre le unità di strada che fanno informazione e riduzione del danno sono sempre meno supportati e finanziati.

Una doppia ipocrisia se si pensa che nonostante le migliaia di ragazzi che popolano quasi ogni sabato sera decine di rave-party in tutta Italia, questi eventi drammatici sono fortunatamente rarissimi, meno di uno ogni anno, mentre è continua la strage continua di giovanissimi che ogni week-end perdono la vita al volante uscendo da pub e discoteche che “legalmente” vendono alcool e vengono forzatamente messi fuori dai locali alle luci dell’alba sotto l’effetto di tutte le sostanze che offre il supermercato nero del proibizionismo 24 ore su 24.

Un morto al mese o all’anno è sempre troppo, comunque.
I rave-party nascono come eventi liberi, fuori dal mercato del divertimento massificato che riutilizzano temporaneamente aree dismesse, abbandonate.
Con lo sviluppo tecnologico delle comunicazioni con telefonini e il diffuso utilizzo della rete, è diventato relativamente semplice accedere e frequentare rave-party per giovani e giovanissimi spesso totalmente inesperti nella gestione di questi eventi e soprattutto nell’uso di sostanze psicoattive.
Quando 10 anni fa il Lab57 iniziò a intervenire nella scena tecno-rave, ci rendemmo conto che l’unico antidoto ai rischi e abusi legati al mondo delle sostanze, è il passaggio di pratiche e saperi proprio nei luoghi dove si materializzano questi eventi.
Da allora invece di andare avanti di è tornati indietro, pochissime unità di strada intervengono in Italia nei raves, mentre pratiche come il test-rapido delle sostanze negli eventi sono ancora illegali e nelle mani di chi come noi rischia personalmente per metterle in campo.
I servizi do pronto soccorso sono del tutto inadeguati a intervenire sugli abusi di sostanze illegali, perché nessuno si occupa di una formazione specifica a medici, infermieri e volontari, mentre i dati delle analisi tossicologiche nei casi letali o critici non sono ancora a disposizione degli operatori delle unità di strada, che quindi non possono essere preparati a dovere.
La repressione proibizionista oscurantista non fa che aumentare il consumo sommerso e ignorante del “proibito”, mentre drammaticamente tornano ad aumentare anche le overdose di eroina in tutta Italia.
I costi sociali in termini di carcerazioni e danni sanitari sono enormi, mentre costerebbe molto meno, in tutti i sensi, per organizzare servizi come le unità di strada per coprire eventi e bisogni sempre più difficili da ignorare.
Disponibile il download della diretta radiofonica su Radio città del Capo di Bologna con interventi di Pierfrancesco Pacoda critico musicale e saggista autore di ” Sulle rotte del rave”, Massimo Lorenzani coordinatore di Lab57 – Alchemica e una sintesi delle telefonate da Milano di partecipanti al rave di Segrate e operatori del 118 che vi hanno prestato soccorso.

>>Ascolta la puntata di Jalla Jalla..


STOP ALLA GUERRA ALLE DROGHE: VIENNA 2008
Il 7, 8 e 9 marzo 2008 si riunisce a Vienna il controvertice dei movimenti antiproibizionisti europei in occasione della Conferenza mondiale delle politiche sulle droghe organizzata dall’ONU che affronta la problematica da un punto di vista esclusivamente repressivo.


>> ASCOLTA IL REPORT AUDIO (7 marzo 2008)

>> GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA
>> IL SITO del Controvertice

by Lab57 feat Reporter_Libertario

Cerca
Archivio