Archivio di novembre 2010

Immigrati e consumatori di cannabis
Il rischio schizofrenia è più alto
I ricercatori: «Mancano i fattori protettivi»
Ecco un altro esempio di RICERCA DROGATA: purtroppo questi  ricercatori sono anni che spendono soldi pubblici per queste ricerche di propaganda Serpelloniana, questa volta degne di Goebbels viste le insinuazioni razziali!!

Se non ci credete questo è lo studio completo
http://www.ossdipbo.org/pdf/Tarricone_berardi.pdf
che è stato pubblicizzato in varie confezioni da 2 anni a questa parte, ricerche volute e pagate bene dal Dipartimento Antidroga per demonizzare la cannabis sia con pubblicazioni che con convegni a cui sia l’Osservatorio Epidemiologico di Bologna che l’Università di Bologna si prestano sempre volentieri per avere denaro e passerelle sui media.

Il tema dei problemi dati dall’uso di cannabis ad alcune persone con disagi psichici pregressi, latenti o meno, è reale e documentato, da noi sempre sostenuto perchè i casi reali esistono, li conosciamo e non li abbiamo mia sottovalutati
Conosciamo tuttavia diversi casi altrettanto documentati di malati diagnosticati psicotici o schizzofrenici ( e qui ce ne sarebbe da dire su come si fanno queste diagnosi) che trovano giovamento e aiuto dalla cannabis.

Questi psichiatri maniaci della genetica invece vorrebbero dimostrare che è la cannabis la causa della psicosi, e come potete leggere dalle loro conclusioni, si smentiscono da soli!!!
«Nei migranti che arrivano dai Paesi terzi la presenza dell’ uso di sostanze tra i fattori di rischio è molto basso, in generale tra gli immigrati lo sviluppo della malattia avviene dopo qualche anno. Si parla di una discrepanza tra le aspettative con cui sono partiti nei Paesi di provenienza e la disillusione di quando sono qui».

Hanno solo stabilito una relazione generica tra immigrazione, uso di cannabis e psicosi.
Se aggiungevano il consumo di tabacco tra i fattori studiati, la percentuale sarebbe stata altissima, fino al 90%!!, perchè è ben noto quanto sia diffuso l’uso e l’abuso di fumare tabacco tra i pazienti psichiatrizzati, soprattutto sotto psicofarmaci, ma figuriamoci se questi grandi scienziati si sognerebbero mai di suggerire che è il tabacco a generare la psicosi!!! Immaginate le multinazionali del tabacco quanti miliardi di querele gli confezionerebbero!!!
Infatti basta leggere uno dei tanti studi su questo argomento:
Fumo e disturbi psichiatrici
http://www.policlinico.mo.it/centroantifumo/Seminario29settembre2010/Ricci/Modena%2029%20settembre.pdf

L’abuso di tabacco è molto più diffuso tra i pazienti con schizofrenia (58% -90%) e pazienti con disturbo bipolare (51% -63%) rispetto alla popolazione generale (28% -30 %).

L’uso moderato di cannabis, soprattutto come rilassante e antidolorifico, non ha mai creato danni a nessuno, il suo abuso soprattutto nei più giovani può invece creare disturbi nella socialità e nell’apprendimento, fermo restando che a livello soggettivo esistono casi documentati di elevata ipersensibilità alla cannabis, o al contrario di elevata tolleranza senza particolari disturbi, elementi che ci confermano una volta di più che ogni persona deve trovare il suo limite ed il suo equilibrio con le sostanze, la cannabis non fa eccezione, se non per un elemento forse, che è infinitamente meno pericolosa di alcool , tabacco e psicofarmaci, sostanze legali e sponsorizzate da interessi incalcolabili.
Si veda lo studio recentissimo di un luminare come David Nutt e la nuova tabella di classificazione dei danni delle diverse sostanze

Comunque i genetisti sono decenni che le sparano grosse e anno dopo anno vengono puntualmente e clamorosamente smentiti:
ad esempio a metà degli anni 90 dicevano di avere finalmente trovato il gene ereditario che causa l’omosessualità!!!

poi è toccato a quello dell’epilessia, dell’ anoressia e ora va molto di moda il gene dell’ Alzheimer… ricerche spesso taroccate a partire dalle loro premesse per fare notizia e finire sulle riviste internazionali.

In ogni caso per demolire quest’ultima ricerca, dagli inquietanti toni pseudo-razzisti, su immigrazione e cannabis, basta accendere il cervello e leggere i risultati di queste nuove ricerche:

USA – Schizofrenia. Studio: la cannabis migliora ‘in modo significativo’ le funzioni cognitive dei pazienti

USA Contrordine: il Thc migliora i sintomi della schizofrenia

USA – Cannabis non influisce su funzioni cognitive dei fumatori abituali

David Nutt: le mie opinioni sulla classificazione delle droghe
Cannabis e schizofrenia
I fumatori di cannabis hanno all’incirca 2,6 probabilità in più di avere una esperienza psicotica rispetto a chi non la fuma. Per confrontare questa cifra ad altre: i fumatori di tabacco hanno 20 probabilità in più di sviluppare un cancro al polmone, rispetto a chi non lo fuma. Fumare cannabis comporta un rischio relativamente piccolo di disturbi psicotici, in confronto a un forte rischio di cancro al polmone per chi fuma il tabacco. L’altro paradosso è che la schizofrenia sembra andare scomparendo (dalla popolazione generale) anche se l’uso di cannabis è aumentato marcatamente negli ultimi 30 anni.

La cannabis provoca schizofrenia? Studio: nessun dato convincente

Thc e schizofrenia: due ricerche mettono in dubbio la vulgata proibizionista

CANADA – Cannabis. Studio: diffusa fra schizofrenici per alleviare sintomi malattia

Non rimane che fare i complimenti a questi futuri nobel della ricerca scientifica…..
E’ ORA DI PIANTARLA!!
in tutti i sensi….

>> New!! 5 gennaio 2011: USA – Cannabis, principio attivo efficace contro la schizofrenia in quattro casi clinici

Cerca
Archivio