Archivio di febbraio 2011

>>Vai al sito di Xm24…

Out of Boby Experience Night”
Xm24
via Fioravanti 24
Bologna

L’8 febbraio 2011 è stato ritrovato morto presumibilmente per overdose un giovane di 28 anni nei bagni della Facoltà di Lettere e Filosofia di Bologna, un ragazzo di Budrio già noto ai servizi perchè era stato in comunità.
Pochi mesi fa, l’11 ottobre 2010 a Bologna e’ morto per un probabile abuso di sostanze stupefacenti un’altro ragazzo di 19 anni dopo essersi sentito male in un locale bolognese (vedi il nostro post: A Bologna si muore senza Riduzione dei Rischi)

Due morti entrambe frutto secondo noi di politiche proibizioniste e oscurantiste che invece di investire in PREVENZIONE con progetti di riduzione dei rischi, servizi a bassa soglia , come ormai in tutti i paesi civili si fa’, preferiscono fare scoppiare le carceri punendo i consumatori come criminali.

Da tempo denunciamo invano a Bologna il progressivo smantellamento degli interventi di riduzione dei rischi con operatori esperti in grado di riconoscere e soccorrere tempestivamente consumatori in difficoltà per overdose o mix pericolosi, come se chi utilizza sostanze psicoattive o abbia delle dipendenze non abbia più alcun diritto.

Ormai da anni la politica del Comune di Bologna alimenta la paura della gente: si parla di degrado, si demonizzano gli immigrati lavavetri, i tossicodipendenti in piazza verdi, i senza fissa dimora, si fanno lotte perbeniste contro i writers come fossero il grande problema di questa citta’, insomma le parole d’ordine sono invariabilmente PULIZIA e POLIZIA!

Non solo non si struttura alcuna politica di interventi informativi e culturali all’interno dei luoghi di aggregazione giovanile e nelle scuole, ma addirittura i dormitori chiudono ed i servizi a bassa soglia vengono ‘sospesi’ come il drop-in in via Paolo Fabbri o depotenziati e nascosti come l’Unità Mobile, servizi in cui forse il ragazzo morto in solitudine nella facoltà di lettere avrebbe potuto trovare qualche risposta e aiuto prima di finire in questo modo.

Ci sentiamo in dovere di denunciare LE “POLITICHE SOCIALI” della CITTA’ di BOLOGNA che vediamo perfettamente in linea con quella discriminatoria del governo, che con le sue leggi lavora per eliminare fisicamente la gente che ha problemi e non i problemi della gente!
Per chi vive in strada, ai margini della società, per chi ha problemi di dipendenza, per immigrati senza documenti, le uniche porte che si aprono sono quelle di CARCERE, C.I.E., T.S.O. e FOGLIO DI VIA!!!!!
Nelle carceri oggi Il 27% dei detenuti è composto da tossicodipendenti.
Il 38% da immigrati senza documenti.

E’ necessario INVESTIRE SUI SERVIZI ALLA PERSONA, ABOLIRE la legge Fini-Giovanardi sulle droghe
e la Bossi-Fini sull’immigrazione

QUESTE SONO BATTAGLIE DI CIVILTA’!

www.livello57.org
lab57.indivia.net

>>Vedi anche: Di tagli al welfare si muore by Vag61 – Spazio libero autogestito

Quando si parla di danni da droghe, sbiadisce il limite tra scienza, fede, pregiudizio o trita propaganda di regime.
Prendiamo, ad esempio, la recente pubblicazione di “Cannabis e danni alla salute” del DPA (Dipartimento Politiche Antidroga) del governo Berlusconi, “un megarapporto di oltre 500 pagine per rilanciare la sua Intifada contro le canne“, come lo ha giustamente definito Giorgio Bignami nell’ articolo – Cannabis, parla il Ministero Scienza e Propaganda – per la rubrica settimanale di Fuoriluogo sul Manifesto del 2 febbraio 2010.

Basta dare un’occhiata all’ Introduzione di Carlo Giovanardi (Sottosegretario di Stato per la Famiglia, Droga e Servizio Civile), per rendersi conto di quanto scientifica e rigorosa possa essere una ricerca aperta da simili enormità: “E’ stato dimostrato che la cannabis è una delle maggiori sostanze responsabili dell’alterazione delle capacità di apprendimento nei giovani(!!??), del calo della motivazione ad affrontare i problemi della vita, del far avvicinare più facilmente a droghe quali eroina e cocaina le persone più vulnerabili, di far scatenare e produrre gravi patologie psichiatriche, quali la schizofrenia, oltre che compromettere il normale sviluppo neurologico nel feto di madri consumatrici di sostanze.
Evidentemente le ultime figuracce rimediate da Giovanardi lo hanno promosso a luminare della ricerca mondiale, dopo aver vergognosamente infangato e strumentalizzato l’omicidio di Stefano Cucchi, morto perché “anoressico, drogato e sieropositivo” e dopo le penose polemiche col Cnr nei mesi scorsi per aver gonfiato i dati del Rapporto tossicodipendenze 2010.
In ogni caso, come è nostro costume, andiamo sempre oltre questi miseri esempi di propaganda ideologica cercando di dare un contributo di onestà intellettuale e di ricerca metodologica in un campo come questo, in cui è difficile persino trovare strumenti condivisi di valutazione. Per questo motivo consigliamo a tutti, soprattutto ai suddetti “luminari nostrani”, la lettura di un interessantissimo articolo di un sociologo, lui sì di indubbio prestigio internazionale, Peter Cohen, con cui condividiamo da anni percorsi e  analisi: I “danni da droga”: quanto è scientifico questo concetto? pubblicato su Fuoriluogo.

Questo saggio ci permette di ampliare ed approfondire meglio in concetto ricerca metodologica in un campo come questo, in cui è difficile persino trovare strumenti condivisi di valutazione dei danni reali delle “droghe”. Nel novembre 2010, il farmacologo David Nutt ha pubblicato una scala del danno delle droghe che vede l’alcol in cima (di cui noi ci siamo recentemente occupati in RICERCA DROGATA:Immigrati e consumatori di cannabis ad alto rischio di schizofrenia.
Ma – si chiede il sociologo Peter Cohen- è valido il metro del “danno” con cui si misurano e si classificano le droghe?
Spiega il sociologo: “il tentativo fatto da parte di Nutt et al. di mettere in discussione le classificazioni attuali, così come sono espresse nella legislazione, è utile e lodevole. Siamo lontani dal dimenticare le ragioni per cui, ad un certo punto, la cannabis e l’oppio sono stati dichiarati illegali. I rischi che si attribuiscono a queste sostanze sono diversi, in paesi diversi, così come è varia la severità delle conseguenze legali derivanti dall’essere colti a farne uso. A complicare le cose ulteriormente, c’è il fatto che le opinioni sui danni e le conseguenze pratiche sono destinati a cambiare nel tempo[2].

Tuttavia sia cannabis che oppio sono proibite a livello globale dalle Convenzioni sulle Droghe delle Nazioni Unite e dalla maggior parte delle legislazioni nazionali, elaborate sulla scia di queste Convenzioni. È legittimo mettere in discussione, come si fa in Nutt et al., i danni ipotizzati e la varietà di conseguenze legali per il consumo di droga, visto che sono basati su una definizione di danni della droga lontana da ogni rigore scientifico e, in effetti, da ogni razionalità. Perciò le mie osservazioni qui non mirano a mettere in discussione le classificazioni esistenti, ma piuttosto a “migliorarle” per mezzo di un sistema di classificazione a questionario, analogo a quello proposto in Nutt et al..

….
Che fare allora?

A mio avviso la percezione dei danni legati alle droghe è affetta da così tante limitazioni di affidabilità e validità, che è impossibile al presente avere una stima seria del danno per ogni droga. A parer mio non è nemmeno valido associare i danni alle droghe soltanto. Le droghe sono consumate da essere umani, in condizioni individuali sociali e legali varie, a livelli di purezza e dosaggio vari. Qualsiasi siano gli “effetti” delle droghe, dannosi o meno, essi non possono essere valutati e nemmeno discussi, senza unire la droga ad un particolare consumatore o cultura del consumatore.
Le droghe di per sé non esistono nel loro pieno significato.

Senza un accordo preliminare su un insieme di variabili circa le caratteristiche del consumatore, il contesto culturale e la purezza e il dosaggio della droga, perfino una  misura, di “danno della droga” minimamente standardizzato, non può essere stabilita. Senza questo accordo preliminare, una valutazione seria del danno da droga è un’illusione. Analogamente, se così non fosse, perché allora l’OECD avrebbe discusso per anni su come creare una misurazione standardizzata della “disoccupazione” e su come quantificare le sue componenti?. Molto probabilmente la scala del danno elaborata da Nutt et al., che vede la sostanza più largamente diffusa (l’alcol) al primo posto, seguita da quella meno diffusa (l’eroina) al secondo, è il riflesso di percezioni diffuse tra gli esperti. Ma le percezioni diffuse cambiano continuamente nel corso del tempo. Nemmeno l’uso delle più sofisticate tecniche statistiche per elaborare le percezioni combinate degli esperti potrà superare il fatto che queste sono niente di più che percezioni.

>>vedi anche: Test antidroga 2:il neuro-scienziato della domenica e Forum Droghe
e Test antidroga sul lavoro e alla guida:continua l’inquisizione contro la cannabis.
Inoltre vi consigliamo una recente pubblicazione a cui ha collaborato lo stesso Peter Cohen:
Cocaina. Il consumo controllato

Prossimo intervento Lab57 – Alchemica…..

Intervento Lab57 di sab 5 Febbraio:

Pyramid-Head, Esasperatek crew and Brutal toys crew
presentano il primo di una lunga serie di eventi
underground che continuerà tutto l’anno!

KICK DA BASS TEKNO PARTY!
…25 kw ESAPERATEK/BRUTAL TOYS

from 19:00 to 06:00

@EX BLOW, via TOFFETTI 75/B
MILANO

LINE UP:

-KILLANATION
Tekno-punk from MIlano

-CEPPO Hardek live set
Esasperatek sound system

-KAMO NOISE Hardek live set
Esasperatek sound system

-SQUARE WAVE Hardek live set
Esasperatek sound system

-DJ LIAR Hardtek dj set
Esasperatek sound system

-DJ RYPE Hardtek dj set
Esasperatek sound system

-PROTOPLASM Hardtek live set
Pyramid-Head Music

-LELE Hardtek live set
Brutal toys Sound system

-PANCIO Hardtek live set
Brutal toys Sound system

-MEK Hardtek live set
Brutal toys Sound system

-ZIMO Break Beat dj set
Noise squad Sound system

@EX BLOW, via TOFFETTI 75/B
MILANO

ingresso 5 euro con tessera ACSI
10 euro senza tessera
valida anche la tessera ANCOS 2010!

Bar a prezzi popolari:
BIRRA 2 EURO
COCKTAILS 3 EURO

Solo gente presa bene che si sa divertire e gestire!!!
Respetta il posto, gli altri e te stesso!

Come arrivare:

IN AUTO: da qualsiasi direzione autostradale,
tangienziale est uscita Corvetto, quando avete la stazione Rogoredo sulla destra, prima semaforo a destra poi sempre dritto 500 metri sulla destra a fianco della concessionaria Volvo.

IN TRENO: scendere alla stazione di Milano rogoredo,fuori dalla stazione prima via destra sulla destra poi sempre dritto 500 metri sulla destra a fianco della concessionaria Volvo.

IN METRO:fermata Porto di Mare, seconda via a sinistra poi sempre dritto 200 metri sulla destra a fianco della concessionaria Volvo.

Nei giorni scorsi l’Ecuador ha dato il suo appoggio alla proposta del Governo della Bolivia all’ONU (in .pdf) per depenalizzare la masticazione delle foglie di coca, pratica tradizionale degli indigeni della zona andina.

La foglia di coca è uno dei simboli più noti e controversi della cultura locale. Il 31 gennaio era la data di scadenza per presentare le obiezioni alla richiesta avanzata da La Paz di modificare la Convenzione sui Narcotici del 1961, che penalizza la coca perché materia prima della cocaina. Finora hanno presentato obiezioni gli Stati Uniti, il Canada, la Svezia ed altri paesi europei; mentre Egitto, Macedonia e Colombia, secondo quanto riferito dall’ambasciatore boliviano all’Onu, hanno ritirato le loro obiezioni.
>>Vedi: Foglia di coca, l’Europa si divide sull’emendamento boliviano

L’Ecuador ha giustificato la sua decisione con l’appoggio al diritto dei singoli a mantenere la propria identità culturale e a praticare i propri costumi, come riconosciuto dalla Costituzione equadoregna, in una nota diffusa dal Vice Cancelliere Kinto Lucas. Anche la Dichiarazione Onu sui diritti dei Popoli Indigeni (in .pdf), di cui Quito è firmatario, difende il diritto degli indio a “praticare e rivitalizzare la loro cultura e i propri costumi”. Evo Morales, primo presidente indio (Aymara) della Bolivia, ha inserito la coca come “patrimonio culturale” nella Costituzione boliviana del 2009.
Uno studio dell’Oms sulla coca e la cocaina del 1995 ha stabilito “che l’uso delle foglie di coca non mostra alcun effetto negativo sulla salute e riveste funzioni positive – terapeutiche, religiose, sociali – per le popolazioni indigene delle Ande”.
>>Leggi l’articolo completo su Unimondo.org

Pubblichiamo a tal proposito l’ultimo Bollettino di ENCOD con cui collaboriamo da tanti anni alla denuncia delle vergognose politiche proibizioniste planetarie.

L’ IMPERIALISMO OCCIDENTALE SULLE DROGHE

Viviamo in un mondo dove le droghe che vengono prodotte nei paesi occidentali sono permesse mentre droghe che originano da paesi non occidentali sono proibite. L’ alcool è pubblicizzato come una grande droga in tutto il mondo, mentre pubblicità e campagne di marketing per il tabacco fanno dimenticare a tutti che il cancro ai polmoni è una delle più significative cause di morte connessa alla droga.
La salute non ha mai avuto a che fare con le politiche sulle droghe. I paesi occidentali sono riusciti ad architettare la legislazione globale sulle droghe di modo tale che solamente le loro droghe sarebbero dovute essere legali e le droghe di culture diverse vanno proibite. L’alcool come droga occidentale ha causato grandi disastri in America, mentre comunità locali furono completamente distrutte dall’”acqua di fuoco”. Molti sono diventati dipendenti, hanno continuato a bere tutto il giorno, ma mai le autorità hanno deciso di controllare o proibire questa droga. Un secolo e mezzo fa, i Britannici hanno combattuto due guerre dell’oppio per obbligare la Cina a consumare l’oppio delle loro colonie in India.
Ai nostri giorni, le droghe sono proibite secondo un imperativo economico, che è di limitare l’offerta ed aumentare il prezzo. Le organizzazioni criminali conoscono molto bene come avvantaggiarsi di queste politiche.

In questo mese ci siamo confrontati con le notizie che annunciavano come molti paesi occidentali abbiano obiettato alla proposta del governo boliviano di porre fine al divieto del tradizionale consumo della foglia di coca. Questi paesi sono spaventati che se il popolo boliviano sarà autorizzato a masticare le foglie di coca, essi non avranno più ragione di eradicare i campi di coca. Ma perché non perseguitano le industrie che producono sostanze chimiche come il permanganato di potassio o altre sostanze che sono necessarie per produrre la cocaina a partire dalla foglia di coca? Perché le industrie sono collocate nel mondo occidentale e questi governi non vogliono perdere denaro e creare ulteriore disoccupazione.
L’ attacco alla foglia di coca costituisce un atto di razzismo e di mancanza di rispetto per le tradizioni culturali, le credenze e la religione. I paesi occidentali lo potrebbero capire se essi vedessero i loro campi di viti o di tabacco affumicati da dei paesi stranieri.
Quando le droghe furono vietate questa politica sembrava essere un modo di controllare delle menti criminali. Ma finché c’è domanda ci sarà offerta, e al momento in cui compare la proibizione ci saranno dei tipi saggi che analizzeranno la situazione e che troveranno un modo di trarne profitto.
Oggi,i paesi occidentali presentano essi stessi come vittime di paesi che producono le droghe e dei commercianti di droga che sono stati capaci di saltare le solida mura e che vendono le droghe a persone innocenti. Ma la realtà è molto diversa.
I paesi occidentali hanno creato le convenzioni delle Nazioni Unite. Essi sono responsabili del fatto che i paesi produttori di droghe violano i diritti umani dei loro cittadini, dopo aver sofferto le pressioni dai paesi occidentali

Dopo aver sofferto pressioni dai paesi occidentali per non fare qualcosa di più per fermare l’esportazione di droghe. Essi sono responsabili del “genocidio culturale”, i tentativi di distruggere la millenaria cultura della foglia di coca, facendo credere alla gente che è più facile perseguitare una antica cultura in Sudamerica che permettere alle industrie chimiche euro-americane di perdere dei soldi!
Forse è ora per noi attivisti di smetterla di combattere per una sostanza particolare e di lottare per una “Nuova Cultura della Droga”. Noi dovremmo sostenere di appartenere ad una nuova tribù che + una minoranza in questo mondo ma che esiste in tutti i paesi del pianeta, una tribù non collegata da interessi religiosi o economici ,una tribù spinta dalla cultura dell’idealismo e certamente molto diversa dalla maggioranza, ma una tribù che crede nel suo proprio stile di vita e che combatterà per esso!

Di Jorge Roque (con la collaborazione di Peter Webster)

European Coalition for Just and Effective Drug Policies (ENCOD)
>>Vai al sito di Evo Morales, primo presidente indigeno di uno stato nazionale

Million Marijuana March

loca_andina_-_3210

Fine del Mondo Proibizionista

Archivio
Cerca