Ciao Fiore!

In quest’anno terribile ci fermiamo un momento per salutare Fiore, una di noi.

A FIORE :

Te ne sei andata così, in punta di piedi, in silenzio.
E fa strano parlar di silenzio, dopo tutto il rumore e la musica ai quali hai dedicato tantissima di quella passione che sapeva distinguerti, dopo tutti gli anni di sonorità Altre che insieme abbiamo offerto alla nostra comunità, a chi voleva e sapeva ascoltare.
Sei stata parte integrante ed essenziale di questo nostro magico e folle progetto, di Frigotecniche, grande amore che ha saputo unirci e far battere i nostri cuori all’unisono per molti anni.
Sei stata una presenza importante, immensamente preziosa, di quella dimensione a sè stante, meravigliosamente fuori da ogni schema imposto, che è stata (e in buona parte continua ad essere ) XM24, la nostra Casa, la nostra famiglia allargata.
Una famiglia nella quale, alcune ed alcuni di noi, proprio da te in primis sono state coinvolte.

Non ti fermavi mai. Gestivi con esperienza e maestria quei grandi mixer dietro i quali ti si poteva vedere sempre, durante i concerti da noi organizzati ; senza di te non avrebbero potuto essere realizzati e in qualche modo, ne costituivi il cuore più essenziale e discreto, come una colonna portante, umile e mai alla ricerca di fama o ringraziamenti, ma sulla quale in tante e tanti facevamo affidamento per stare in piedi, per andare avanti. Ti si vedeva sempre, giù nei sotterranei di XM, nella nostra amata Osteria, il cuore underground di tanti pomeriggi di jams e di innumerevoli concerti frigotecnici, oppure in quella sala prove che negli anni avevi fortemente contibuito a creare, a plasmare con la tua impronta e alla quale tanto del tuo impegno e del tuo tempo avevi donato. Armeggiavi con cavi, ciabatte, microfoni, aste, amplificatori, con la naturalezza con cui una madre accarezza dei figli.

E non per niente, eri una madre amorevole e capace di condividere con tua figlia e tuo figlio le tue passioni ed idee, hai cresciuto Veronica ed Eros in mezzo a noi, hai reso anche loro parte della nostra comunità, ci hai reso parte della suddetta, stessa allargata famiglia. Una famiglia nella quale, come spesso accade, a volte si litiga, a volte ci si allontana, ma il bene che ci si vuole resta indelebile.

A volte non ce lo si dice e dimostra abbastanza e questo rimane un fatto dal quale ora più che mai potremmo imparare qualcosa. Tu più di chiunque altra/o, tu che negli anni hai tanto sofferto e lottato, avresti meritato di non essere mia lasciata sola, avresti meritato tutto l’affetto di questo mondo, probabilmente molto più di quello che hai ricevuto. Ci siamo voluti un bene enorme, ma tu avresti meritato di più. Ora l’amore per te non possiamo che dimostrarlo continuando ad andare avanti, a far navigare il nostro galeone in mezzo ai mari più tempestosi, affrontando con coraggio le onde, gli scogli e le navi nemiche che dovremo affrontare in questi tempi sempre più oscuri. Lo faremo ricordando quella luce speciale che avevi negli occhi, specialmente quando sorridevi felice, al termine delle nostre serate, o quando ci si abbracciava, dopo le nostre solite litigate, fra persone cocciute. Lo faremo proprio con quella cocciutaggine che sapeva distinguerti, con la dedizione che sapeva distinguerti, perchè oggi più che mai ne abbiamo bisogno, perchè sarà bello e giusto renderti onore, continuando a navigare, a riempire i sotterranei e le strade di musica Altra, a lottare per un mondo radicalmente Altro. Un modo dove forse finalmente si possa imparare che è davvero importante non lasciare indietro nessuno, come facevi tu, che quando volevi bene lo facevi sul serio. Sei stata una compagna e un’amica meravigliosa.

Ci hai insegnato tantissimo, ci hai dato tantissimo, tanto che che le parole non basteranno mai a descriverlo.
Forse la musica, forse giusto lei potrebbe riuscirci.
Dai una carezza alla Nana e fatti due risate con Laye e con il nostro Rocco, ovunque voi siate. Ci mancate tanto. E anche per voi non ci arrenderemo.
Grazie di tutto Fiore, rimarrai nei gesti più belli e nel cuore per sempre, non ti dimenticheremo, non ti dimenticherò mai.
L.”

Tutto il Lab57 resta senza parole… quando 12 anni fa a causa dello sgombero del Livello 57 , il Lab57 venne accolto a Xm24, Fiore da subito naturalmente si è avvicinata al progetto, con tutta la sua forza e generosità, impossibile contare tutti gli interventi insieme in dibattiti, chill-out, proiezioni, cene benefit, etc.. .. dentro Xm ma anche in giro per l’Italia durante Street Parades Anti proibizioniste, Festival musicali e interminabili Teknival, aiutando in situazioni estreme tanto gli umani quanto i quadrupedi scodinzolanti, sempre nel suo cuore….

Buon Viaggio Fio!!!!

Lunedì 28/10 alle 14.10 alla camera ardente della Certosa la saluteremo tuttx insieme.

Lascia un Commento

Cerca
Archivio