Archivi per la categoria ‘Interventi Lab57’

Una bolla di libertà in un mare di merda

Abbiamo deciso di non usare più i social network, Fuckbook per primo.

Supporta la Bolla, diffondi le info: Il tuo contributo è fondamentale!

Per ricevere info e aggiornamenti sulle nostre iniziative iscriviti alla newsletter scrivendo all’indirizzo:

labolla@canaglie.org

con oggetto ISCRIVIMI

AREA CHILLOUT BY LAB57

>>> Il Lab57  sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso,  analisi sostanze…!!!! <<<

 

AREA CHILLOUT BY LAB57

>>> Il Lab57  sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso,  analisi sostanze…!!!! <<<


>>>> se vuoi ricevere i numeri delle info-linezzz (solo poche ore prima dell’evento), devi essere già iscritto alla Newsletter,

iscriviti a questo link…. <<<<

>> NO SPAM ON FACEBOOK & OTHERS SOCIAL NETWORKS !!! <<

 

 

Il Lab57 condivide ovviamente al 100% questa presa di posizione  dello Spazio Pubblico Autogestito XM24 riguardo a ciò che è successo a Bologna Sabato 9 Dicembre .

Massa Critica contro razzismo e fascismo

 Sabato 9 dicembre abbiamo messo in gioco ancora una volta i nostri corpi e la nostra voce per opporci a un’iniziativa razzista e fascista.
Come parte della Bologna che non propaganda odio e accoglie in maniera solidale, la carovana a trazione umana Human Motor (una Massa Critica di ciclisti in giro per le strade della città che protesta contro lo spettacolo capitalistico del Motor Show) ha spontaneamente deciso di passare per il parco della Montagnola dove era prevista una fiaccolata anti-degrado e anti-spaccio chiamata “Liberiamo la Montagnola”,  organizzata da Insieme Bologna, lista civica di destra con posizioni apertamente xenofobe e populiste.

 

È già la seconda iniziativa di questo tipo da quando, un mese fa, l’aggressione alla troupe di Striscia la Notizia ha acceso i riflettori sul parco della Montagnola, posto al centro di una campagna di demonizzazione mediatica che, indicando il parco cittadino come luogo di degrado controllato da violenti spacciatori stranieri, grida alla forca senza porsi troppe domande sulle vere cause di certi fenomeni di marginalità sociale. 

 

La Massa Critica ha prima attraversato la zona alta della Montagnola dove c’è il mercatino etnico portando solidarietà ai bancarellari, per lo più stranieri, ricevendo in risposta saluti, e poi, passando per via Irnerio, si è fermata davanti alle scalinate dove si trovavano una quarantina di persone con le fiaccole accese, tra cui appartenenti alla Lista Civica di Manes Bernardinipochi ambulanti della Montagnola e un gruppetto che reggeva uno striscione con su scritto “Alcuni Italiani si appendono”.  Nonostante non ci fossero bandiere o simboli espliciti, era evidente che dietro lo striscione ci fossero fascisti della locale sezione di CasaPound, cosa che dimostra (se ancora ce ne fosse bisogno) lo stretto legame che unisce leghisti, neofascisti,  bastonatori vari e destrorsi finto-moderati.

 

Al nostro passaggio, dalle prime file della fiaccolata sono immediatamente volati insulti e commenti sessisti rivolti alle compagne in bici (‘puttana’, ‘vai a fare i bocchini all’ISIS’, ‘ti piace il cazzo dei negri’), lo stesso Bernardini si esibiva in offese e gestacci, una conferma della bassezza delle loro argomentazioni e dell’indole machista e autoritaria di questa gentaglia. 

 

A quel punto, per sedare gli animi di chi sa solo aggredire con ignoranza e brutalità, sono intervenute la celere e la digos che si sono frapposte dando le spalle ai fiaccolanti che spingevano e si esagitavano cercando lo scontro, intimando invece a noi ciclisti, che rispondevamo con cori sbeffeggianti, di andar via. Si è persino arrivati all’aggressione fisica di un nostro compagno, attaccato alle spalle e preso a pugni da un uomo (che si è poi saputo essere uno degli ambulanti della Montagnola e fido scudiero di Bernardini) nascostosi vilmente dietro un furgone e sfuggito al contenimento delle forze del (dis)ordine. 

 

Manes Bernardini, promotore della fiaccolata, è stato capolista candidato sindaco di Insieme Bologna in Consiglio Comunale. Condannato a due anni di interdizione temporanea dai pubblici uffici a seguito della cosiddetta inchiesta “Spese Pazze”, si è visto costretto a rassegnare le dimissioni da consigliere comunale a Marzo 2017. Siamo davanti al paradosso di un politicante che ammette un uso improprio di soldi pubblici e che allo stesso tempo si erge a paladino della sicurezza cittadina. Che, come il più classico dei truffaldini da gioco delle 3 carte, mentre con una mano indica e giudica chi perseguitare, con l’altra intasca rimborsi non dovuti. Che mentre pubblicamente denuncia le “illegalità” indicando chi nelle strade deve essere condannato, nelle stanze “private” del Palazzo fa i suoi interessi e si mette in tasca ciò che non gli spetta. Un personaggio che dovrebbe  avere la decenza di non proporsi più in pubblico e che invece continua a ricevere la legittimazione di alcuni cittadinie e da molti suoi colleghi politici, sia di destra che di centrosinistra. Miserie della politica, insomma!

 

Da sempre denigratore e nemico dichiarato di XM24, Bernardini ha ripetutamente attaccato lo Spazio Pubblico Autogestito a mezzo stampa e durante gli interventi in Consiglio Comunale, chiedendo a gran voce il trasferimento di XM24 da via Fioravanti 24, ritenendolo “una presenza scomoda per la Bolognina, e una delle cause dei problemi di sicurezza e di degrado del quartiere”.  Anche questa volta Bernardini non ha perso occasione per attaccare. Nelle dichiarazioni successive alla fiaccolata parla di una “ennesima provocazione di XM24” e si augura che il Comune, oltre ad occuparsi dello spaccio in Montagnola, si occupi di chiuderlo in quanto “centro antisociale e delinquenziale per la città”

 

Non vogliamo negare che nel piccolo spaccio di strada siano coinvolti molti giovani ragazzi stranieri né che questo possa essere fonte di diversi problemi, ma come antiproibizionisti e fautori della riduzione del danno ripetiamo da decenni che il narcotraffico esiste e prospera solo grazie alla repressione assassina proibizionista, in quanto e’ evidente che depenalizzando la coltivazione per uso personale di cannabis, nessuno si sognerebbe di spacciarla per strada. Di sicuro ci opponiamo e continueremo ad opporci, in maniera determinata e ostinata, a tutti coloro che alimentano cacce alle streghe e processi inquisitori contro i più deboli, i diversi, gli esclusi, additati come capro espiatorio di tutti i problemi, considerando che in galera finiscono quasi solamente consumatori e piccoli spacciatori mentre le narcomafie moltiplicano i loro guadagni.

 

La “paura dello straniero”(spersonalizzato e imbarbarito), viene alimentata da una stampa tendenziosa e da certi politici che propongono allontanamenti, incarcerazioni e un maggiore controllo poliziesco del territorio. Queste soluzioni nei fatti si rivelano buone solo a contenere il malcontento popolare e male indirizzarlo contro un nemico che molto spesso non ha la possibilità di difendersi, in una guerra tra poveri che puo’ portare solo allo sfacelo sociale e alla barbarie. 
L’odio, il razzismo, la chiusura sono utilizzati per canalizzare verso i più  deboli una rabbia che dovrebbe invece essere rivolta dal basso contro chi dall’alto ci sfrutta, ci reprime ed e’ responsabile delle enormi diseguaglianze tra ricchi e poveri che caratterizzano il mondo in cui viviamo.

 

Siamo contro una visione di Bologna come città-fortino dove con i daspo urbani, gli arresti, fogli di via, le telecamere ovunque e il potenziamento del controllo del territorio si vorrebbe dare una percezione di “sicurezza” agli impauriti “cittadini per bene” mentre tutti i diversi, i migranti e quelli dell’Altra Città Ribelle, dovrebbero essere semplicemente eliminati o quantomeno esclusi e resi invisibili, non importa dove e come.

 

Siamo fieramente antifascisti, antirazzisti, antisessisti, complici e solidali con gli esclusi e gli oppressi, in lotta per un mondo in cui possa esserci veramente giustizia sociale e libertà, dove per vivere non sia necessario nessun documento e nessun permesso. Contro la loro “socialità escludente” abbiamo alzato e continueremo ad alzare la nostra voce di protesta e continueremo ad agire nelle strade dei quartieri.

 

Sempre al nostro posto ci troverete, antifascisti senza se e senza ma!

 

Bolognina,14-12-2017
Le/Gli Andrea dello Spazio Pubblico Autogestito XM24

http://www.ecn.org/xm24/2017/12/14/massa-critica-razzismo-fascismo/

https://www.facebook.com/events/157275021536831/

Hidden Entertainment presents:

TERRORITMO TOUR!!!
Tropical Gipsy records Show!!!
Electro/Break/Cumbia/Tekno

Ultima data del tour della neonata etichetta discografica
Tropical Gipsy a Milano.
https://m.facebook.com/TropicalGipsyRecords/

from 22:00 open by
from RAP PIRATA CREW
***CHAPO 9TH+DJ ZARRA
https://www.youtube.com/user/marcotrapani76

from 00:00 till 10.00

***IXINDAMIX -SP23-Audiotrix- Live
https://soundcloud.com/ixindamix

***MASKK-Kernel Panik-Audiotrix-Live
https://soundcloud.com/kernelpaniksound

***DJ ORZ aka DOKTORPANIK-Kernel Panik-Mix
https://soundcloud.com/djorzkernelpanik

***LA TERRORISTA DEL SABOR-From BogotaTropical Gipsy- Live
https://soundcloud.com/laterroristadelsabor

***MIRKO SICK-Tropical Gipsy- Mix
https://soundcloud.com/mirkosick

***EL PINCHE PERRO-Tropical Gipsy- Mix

***ORGONAUTH-Brutal Toys Records-Live
https://soundcloud.com/orgonauth

***LELE-Brutal Toys Records-Live
https://soundcloud.com/lele-brutal-toys

***MINE Rms crew-Mix
https://soundcloud.com/mine83hn

POWERFULL SOUND SYSTEM BY:
Rms crew – FUNKTION ONe
Sabotaz – IMPAKT SOUND

VISUAL ARTS BY KOBACHI and MICRO PROJECT HILL

HIDDEN SQUAT PARTY

Milano area: INFO SOLO TRAMITE WHATSAPP/TELEGRAM

From 22 to 12

AREA CHILLOUT BY LAB57

>>> Il Lab57  sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso,  analisi sostanze…!!!! <<<

DIY STAND AND DISTRO ARE WELCOME

LIVE PAINTING BY DISEGNI MATTIi / OX CREW

RESPECT YOURSELF, THE OTHERS AND THE LOCATION

GOOD VIBEZ ARE WELCOME..

INFO…..A BREVE

https://www.facebook.com/events/1191519404282007/

Sabato 11 novembre alle 18:00

Xm24

Via Fioravanti 24, 40129 Bologna

DEGENDER FEST #6

apertura h 18

LIVE (h 22)
Hyle ‘Malakia’ release party / hardcore punk, crust, sludge
Hu / electronic
Bleedingblackwood / solo sadcore

DJSET (h 18-04)
PLAYGIRLS from CARACAS
Lour Des (TRANSIA Crew)
Alyz_Ki (Collettiva Elettronika)
Dj Trippy (Ryno / Collettiva Elettronika)
Andy Giò (Collettiva Elettronika)
Kinda Linda (Collettiva Elettronika)

WORKSHOP
“Sadomaso per principianti” condotto da Nita (h 18-20)
info e iscrizioni: nitaclown@yahoo.it

MOSTRE
“Roller Derby & Ramp Skating” di Benedetta Bassi Photography
“Sex Work” di Paola Paganotto

PERFORMANCE
“TED” di Eva Geatti (tratto dallo spettacolo “Di Natura Violenta” – Cosmesi 2015)
“XTRAVAGANZA GENERICA” di Massimiliano Rassu

TALK/PRESENTAZIONI
Presentazione di fumetti queer a cura di Renbooks (h 21)

INCURSIONI
“Corpi e piacer(s)i” a cura della Consultoria TransFemminista Queer

PROIEZIONI

BANCHETTI

CENA VEGAN (h 20)

lascia a casa: machismo, fascismo, omolesbotransfobia, specismo, razzismo, sessismo, vegefobia

11.11.17 Bologna
Degender Fest
in support of Xm24

Read and sign the petition:
http://bit.ly/2yNKcKx

>>> Il Lab57  sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso,  analisi sostanze…!!!! <<<

Firma la petizione!!!

Difendere XM24, per tornare a respirare
http://ilovexm24.indivia.net/appello/

 

https://www.facebook.com/events/124909478227648/

http://www.ecn.org/xm24/evento/atlantide-goes-to-xm/?instance_id=32967

Atlantide goes to Xm

QUANDO:
27 ottobre 2017@21:30–28 ottobre 2017@1:00
DOVE:
Xm24
Via Aristotile Fioravanti
24, 40129 Bologna BO
Italia

Anche a te è capitato di sentirti dire che la tua gonna era troppo corta e i tuoi tacchi troppo alti? Che sei troppo poco femminile e troppo froci@, troppo eccentrica e provocante, tanto da disagiare eterolandia? Che sei poco dignitosa perché reclami autodeterminazione? Incivile perché migrante? Poco collaborativa perché non cedi alle molestie sul lavoro o choosy perché rifiuti lavori massacranti o sottopagati? Oppure fallit@ perché di lavorare e di riprodurti non hai proprio voglia? Fannulon@ perché rassettare casa e sgrassare i piatti proprio non ti va? Zoccol@ perché vuoi divertirti con chi vuoi e quando vuoi? Stran@ perché ascolti hardcorepunk prima di addormentarti e a colazione?

Le nuove frontiere della normalizzazione dei corpi passano attraverso le retoriche del decoro e vengono attuate grazie a strumenti repressivi che, oggi, colpiscono soprattutto le/i sex workers di strada e le person@ senza documenti. In nome della civiltà e delle libertà democratiche vengono inoltre legittimate, da destra a sinistra, narrazioni razziste che strumentalizzano la violenza di genere e tentano di neutralizzare le rivendicazioni transfemministe queer proponendo ricette a base di rispettabilità e normalità.

Non aspetteremo un Minniti in più. Il 27 ottobre, a XM24, ballaremo indecoros@ e complici, continuando a lottare ogni giorno contro la violenza del maschile egemonico e per l’autodeterminazione di tuttx.

Ps. Indossa solo capi pink altamente EcoLogici, riCiclabili e (in)compatibili con il desiderio perverso e polimorfo dello spazio transfemminista queer che costruiremo insieme!

Selezione musicale e dj set a cura di:

Silvia Calderoni
MissTitillo
AtlantiCyborg

Installazione Morte di una diva
Saletta EcoSexyPleasure (22.00 – 01.00)
Banchetti informativi di: Lab. Smaschieramenti,NonUnadiMeno, Consultoria Transfemminista Queer, Betty & Books, Libreria delle donne, DegenderFest/PrideOff

>>> Il Lab57  sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso,  analisi sostanze…!!!! <<<

Benefit spese legali
…e tanto altro ancora

Porta la voglia di ballare, lascia a casa razzismo, sessismo e lesbotransomofobia.

 

Firma la petizione!!!

Difendere XM24, per tornare a respirare
http://ilovexm24.indivia.net/appello/

 


Sabato 14 Ottobre 2017 la Bolla compie due anni!

Immersi nelle atmosfere del dia de los muertos mexicano vi allieteremo con:::::::::::::::::::

h 22.30 concerti di:
* Wrong Maes
* Filthy Generation

A seguire dj & live set di:
* Les Boucles Etranges
* 69 DB
* Ixindamix
* RMS full crew
* CasX
* Orgonauth
* Dies Irae
* Pigs Floyd

Il tutto accompagnato da:
* OX CREW Live painting
* Visual by Elyset
* Video & Body Mapping by Lama & Mitakuye Oyasin / VJ Kobachi / Visual Attitude & Elz Ebub
* Fire Show
* Body Suspension
* Area Auto-Produzioni
* Riduzione del Danno & Chill-Out Area
>>> Il Lab57  sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso,  analisi sostanze…!!!! <<<

!!!!!!!!NO FACEBOOK!!!!!!!!

Truccatevi, mascheratevi, denudatevi, venite….ma soprattutto divertitevi!

Feliz Cumpleaños Bolla!

Follow the Bubbles  :::::  labolla.info //   Per ricevere info e aggiornamenti sulle nostre iniziative iscriviti alla newsletter scrivendo all’indirizzo: labolla@canaglie.org con oggetto ISCRIVIMI

 


https://www.facebook.com/events/299483593790864/

A noi le strade a voi i privè
Torino 28_09_17 H19
Parcheggio Torino Esposizioni

N 45.0501702
E 7.6823459

Reclaim the street non è solo uno slogan!

Non può esserlo a Torino e non può esserlo in questo tempo.
Riprendersi le strade è un imperativo categorico. A Torino il 28 settembre, mentre i sette grandi della Terra si rinchiuderanno nella reggia di Venaria per decidere come sfruttarci meglio e come creare maggiori guadagni distruggendo l’ambiente, noi saremo per le strade a dire con forza che questo sistema non siamo più disposti a subirlo e che, i nostri nemici, hanno un nome, un cognome e dei volti e sono tutti coloro che mettono i profitti davanti alle persone.

Noi, invece, siamo i precari, gli studenti, i lavoratori, i disoccupati, i migranti, gli uomini e le donne che non sono più disposti ad accettare le passerelle dei grandi della Terra che, con questa farsa dei G7 sparsi per l’Europa, stanno cercando la propria legittimità. Amburgo, a luglio, ha dato una risposta chiara su cosa pensiamo di loro: giovani e meno giovani, provenienti da tutta Europa, hanno detto chiaramente che gli sfruttatori dell’ambiente e delle persone non sono i benvenuti nelle nostre città.
L’idea di fare una street parade serale è strettamente collegata proprio a questa nostra composizione: un insieme di persone precarie, nel lavoro e nell’esistenza, che spesso sono private
di quella divisione chiara tra tempo libero e tempo di lavoro, che spesso non hanno il diritto di scioperare, che sono private del diritto di maternità e paternità, alle quali in sostanza viene imposto
di vivere in funzione del mantenimento del proprio lavoro sottopagato (quando ce l’hanno) rinunciando ad ogni forma di autodeterminazione.
Ci riprendiamo le strade per i riders di foodora, deliveroo e tutte le aziende della cosiddetta new economy che sfrutta giovani lavoratori in tutta Europa, definisce “lavoretto”; un lavoro che migliaia di persone fanno per sopravvivere alla crisi, reintroduce il cottimo chiamandolo “impegno” o “autoimprenditoria”.
Ci riprendiamo le strade per abbattere ogni forma di barriera che impedisce alle persone di circolare liberamente, per dire che alla “fortezza Europa” opponiamo un Europa solidale che rifiuti
le frontiere e che si opponga all’omicidio di Stato al quale assistiamo tutti giorni sulle coste del nostro paese e che i media chiamano “tragica fatalità”.
Riprendersi le strade è anche il diritto di viaggiare, spostarsi e migrare.
Ci riprendiamo le strade per dire che le “strade sicure” le fanno le donne e gli uomini che le vivono e non certo le forze dell’ordine come apprendiamo con rabbia in questi giorni in relazione al caso
dei due Carabinieri a Firenze: come sempre la vostra sicurezza uccide, priva delle libertà fondamentali, umilia e perseguita.
Ci riprendiamo le strade per la liberazione dei nostri corpi e delle nostre personalità dal giogo del lavoro e del consumo. Attraverseremo con la nostra street i quartieri della movida parola che per noi non vuole dire nulla. Per noi la movida sono migliaia di ragazzi e ragazze precari e precarie: noi crediamo nel diritto di tutti e tutte a divertirsi, a fare festa per liberare nelle strade i propri
desideri. Per fare questo sappiamo che il primo passo deve essere quello del rifiuto e della distruzione delle gabbie costruite ad hoc per imprigionare il nostro tempo libero, per incarcerare i
nostri desideri e per asservire ogni nostro gesto al mercato ed al consumo.
Noi rifiutiamo tutto questo e al contrario rivendichiamo il diritto a fare festa e divertirci fuori dalle logiche di mercato così come rifiutiamo ogni forma di lavoro sfruttato, a cottimo, senza precisi orari lavorativi.
Ogni forma di limitazione delle nostre libertà è il nostro nemico. Nella Torino militarizzata e impaurita dal G7 noi pretendiamo i nostri spazi materiali e immateriali, spazi dove esprimere le nostre soggettività, dove stare insieme, liberi dalle logiche di sfruttamento. La nostra risposta ai G7 è una risposta di duro attacco al sistema nella sua interezza, se la loro idea di lavoro è un’attività
alienante, a cottimo, sottopagata e senza orari chiari non c’è più spazio per alcun tipo di mediazioni: la nostra risposta è la libertà di fare ciò che vogliamo, di autodeterminarci di pretendere tutto e subito

A noi le strade a voi i privè
Torino 28_09_17 H19
Parcheggio Torino Esposizioni

N 45.0501702
E 7.6823459

Il percorso della street sarà accompagnato da vari sound:
– Reggae and more a cura di:csoa gabrio
– Tekno a cura di: Mad Family crew
– Djset trash a cura di: Internazionale Trash Ribelle

>>> Il Lab57  sarà presente col suo inconfondibile Camper: postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, …!!!!

 


CRASH feat. XM24 presentano:Sabato 23 settembre

Xm24

Via Fioravanti 24, 40129 Bologna

http://www.ecn.org/xm24/evento/crash-feat-xm24-presentano-murubutu/?instance_id=31634

●Dalle 18.00 reading, concerti, banchetti, infoshop e molto altro.
●Dalle 20.00 la cena a cura di Eat the Rich e Social Log, con un’edizione speciale del corso di cucina meticcia per preparare il dolce per la cena.
●A seguire il concerto di Murubutu + La Kattiveria + dj T-Robb + special guest – open Futta & dj Cabras (from Sardinia) & Effementi (from Genova)

●●●
“L’altra città esiste e non rimarrà senza spazio.
Gli sgomberi non chiudono percorsi politici e di lotta, ma portano l’autogestione nelle piazze, sulle strade, ovunque, per questo abbiamo deciso di lanciare una giornata di autogestione che vede ancora una volta diverse realtà cittadine esistere e resistere fianco a fianco.
Moltiplichiamo i percorsi in difesa degli spazi sociali e di riappropriazione e riscatto sociale, politico e culturale, prepariamo le nuove occupazioni!
Ribadiamo con forza che l’altra città non solo esiste, ma è solidale e determinata.
Lo sgombero dell’8 agosto non può fermare il cammino lungo 15 anni del Laboratorio Crash, per questo XM24 apre le sue porte per una serata di solidarietà e lotta contro gli sgomberi, in difesa dell’autogestione, per le lotte sociali, cospirando insieme!

Sabato 23 settembre a partire dalle 18 reading, concerti, banchetti, infoshop e molto altro. Alle 20 la cena a cura di Eat the Rich e Social Log, con un’edizione speciale del corso di cucina meticcia per preparare il dolce per la cena. A seguire il concerto di Murubutu.”

http://www.ecn.org/xm24/evento/crash-feat-xm24-presentano-murubutu/?instance_id=31634

Cerca
Archivio