Quando sniffi una polvere questa si ferma sulle mucose nel naso, dove si scioglie immediatamente ed entra direttamente nel sangue e da qui passa al cervello. Se sniffi di rado o frequentemente preoccupati comunque della salute del tuo naso. Le mucose sono molto delicate, ogni sniffo contribuisce a seccarle e talvolta si formano piccole ferite.

Alcuni consigli per ridurre i rischi:
• evita di usare banconote o altro materiale sporco e di scambiare il “pippotto”:
alcune malattie come epatite B e C possono trasmettersi per queste vie;
• libera bene le narici;
• polverizza la sostanza meglio che puoi, i granelli più grandi sono quelli più dannosi;
• è importante idratare le mucose seccate dallo sniffo: dopo lo sniffo bagnati il naso, perchè qualche frammento rimasto nella cavità nasale può provocare irritazioni, in casi più gravi necrosi, perforazione del setto nasale;
• se il naso continua a bruciarti dovresti evitare di sniffare per farle sfiammare;
• se il naso ti sanguina di frequente o si formano delle croste consulta un medico, potresti arrivare a danneggiare la funzionalità del tuo olfatto o soffrire di emorragie croniche.

ATTENTO ai dosaggi e ai tagli ricorda sempre che senza analisi di laboratorio è impossibile conoscere la purezza e la concentrazione di quello che ti stai sniffando, nel mercato illegale possono circolare sostanze molto pericolose letali anche a piccoli dosaggi, quindi inizia sempre con piccoli dosaggi, aspetta minimo mezzora e se noti qualche effetto inaspettato FERMATI, potresti rapidamente andare incontro ad una seria intossicazione anche letale (come nei recenti casi di ricoveri per cocaina tagliata con atropina).

NON CONSUMARTI CONOSCI IL TUO CORPO, CONOSCI LA TUA MENTE,
CONOSCI LE SOSTANZE NESSUNA DIPENDENZA NESSUNA PROIBIZIONE

SCARICA IL FLYER