Di seguito alcuni consigli di consumatori riguardo il test del capello.

Non ci assumiamo nessuna responsabilità sulle conseguenze legali che l’uso di queste informazioni può comportare, noi riportiamo solamente esperienze utili.

\"$topictext\" Ciao,
sono contento che rendiate pubblica questa cosa. Bisogna inziare a tutelarci fra di noi visto che stiamo andando sempre piu verso l’assurdo. Spero possa aiutare più gente possibile questo metodo. Prima di spiegare il tutto però vorrei partire dalle basi.

Parte 1 – Il Capello

Il capello è formato da 3 parti

     

  1. una parte esterna detta cuticola
  2. una parte sotto la cuticola detta corteccia
  3. una parte all’interno della corteccia detta midollo
  4.  

Quando si fa uso di droghe, i metaboliti vengono trasportati dal sangue all’interno del capello attraverso le vene. Siccome il nostro organismo per sua natura tende a eliminare tossine, questi metaboliti passano dalla parte piu interna del capello (midollo) verso la corteccia non riuscendo ad andare oltre a causa della cuticola (parte esterna del capello) che è la barriera dei capelli fatta con una struttura tipo tegole molto difficile da penetrare.

I metaboliti si depositano quindi in questa zona. I normali shampoo, quelli all’aloe vera o gli shampoo detossificanti che vendono in America, non riescono a penetrare nella corteccia quel tanto da purificarla. Per fare ciò, abbiamo bisogno di agenti chimici piu potenti.

Parte 2 – I Metaboliti

Una volta assunto droghe, i metaboliti impiegano 4-5 giorni per passare dalla cute verso l’esterno grazie appunto alla crescita del capello. Naturalmente piu tempo stiamo in astinenza e piu probabilità avremo di superare il test. Ho tuttavia letto di persone che, con solo 2 giorni di stop, sono riuscite a passare l’esame. Per ottimizzare il nostro lavoro consiglio 10 giorni di stop in modo iniziare il trattamento quando tutti i metaboliti saranno gia usciti.

Metodo ossigenazione tintura

Recatevi in un negozio di articoli per parrucchieri e acquistate:

     

  1. Materiale per ossigenare i capelli; a me han dato una polverina blu da mischiare con una crema ossigenata 30 volumi.
  2. Una bacinellina e un pennello da parrucchiere, quelli che vengono usati per fare il colore.
  3. Tinta per i capelli che si avvicini al vostro colore naturale.
  4.  

Fatto questo applicate la mistura per ossigenare i capelli tenendola piu tempo possibile. Io facevo sessioni da 50 min, tempo massimo indicato sulla confezione. Passati i 50 min aspettate 1 oretta per passare alla tintura.

Un consiglio che vi do sulla tinrura, se avete troppo bruciore alla cute fatela il giorno dopo perché se la tenete meno del tempo previsto (35-40 min) vi ritroverete una colore sfumato e quindi potrebbero insospettirsi e prelevare i peli da un’altra parte del corpo, cosa non molto positiva visto che i peli del corpo crescono molto piu lentamente dei capelli e si puo risalire all’utilizzo di droghe fatte nel giro di 1 anno. Inoltre fate attenzione a non tingervi la fronte o dietro le orecchie perché le macchie impiegano almeno un paio di giorni ad andare via se non avete i solventi giusti per levarle.

Secondo alcuni studi fatti dai centri tossicologici, soltanto l’ossigenatura riduce i metaboliti dal 40 al 60% e un’altro 10-20% li riduce la tintura.

Questo procedimento di ossigenatura/ritintura lo dovrete fare 2 meglio 3-4 volte.  Prima di iniziare i trattamenti è meglio andare a tagliarsi i capelli a 4 cm.

Spero di essere stato d’aiuto e abbastanza chiaro. Naturalmente fate ciò che volete a vostro rischio e pericolo. Postate nei Commenti le vostre Esperienze così che possano essere di aiuto a altri.

Dal sito http://www.mariuanait.com/modules.php?name=News&file=article&sid=432

Sconsigliamo vivamente il metodo1 di questo sito, l’impiego di candeggina può causare seri danni non solo ai capelli, ma alla pelle di mani, collo e cuoi capelluto!!

Truffe on-line:AfterBurner lo shampoo miracoloso?!
un prodotto da NON provare

Vedi anche:
>>Nuova Legge 2010 ALCOOL-DROGHE

>>Tracce SOStanze:sangue-urina-capello

>>Leggi-Tabelle-Sentenze Italia-Europa

>>Infine vi consigliamo vivamente di consultare il
Manuale di Autodifesa” per accertamenti sull’uso di sostanze

che informa sulle procedure di controllo in merito a sostanze e alcool e ci illustra i reali processi innescati dalle leggi a tutela della sicurezza sulla strada e sul lavoro, a cura di
Coordinamento Operatori Bassa Soglia del Piemonte e Collettivo Infoshock del Csoa Gabrio di Torino.