goaland

Rock planet club

VIA TRITONE, 77, 48015 Pinarella, Emilia-Romagna, Italy
https://www.facebook.com/events/1449948491967640/
>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out e info point !!!! <<<<<
 

guercio11919141_10206198025362828_9219771637359523814_o
>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out , info point !!!! <<<<<

 

 … >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

nameless-nonum

Tieni pulito! rispetta te e chi ti sta attorno e sopratutto il movimento che anima le feste da quando son nate!
No business-no web-NO FACE BOOK!

>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out , info point !!!! <<<<<

>>>> se vuoi ricevere i numeri delle info-linezzz (solo poche ore prima dell’evento),devi essere già iscritto alla Newsletter,
iscriviti a questo link…. <<<<

>>> NO SPAM ON FACEBOOK & OTHERS SOCIAL NETWORKS !!! <<<

 

 

 … >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

malaf1malf2

SABATO 26 SETTEMBRE 2015
DOMENICA 27 SETTEMBRE 2015
CSA MAGAZZINO 47, via Industriale, Brescia

MALAFEMME voL.2 Festival d’arte underground al femminile
########################################

arte indipendente

scoperta creativa

espressione rivoluzionaria

bellezza spirituale

comunicazione nuda

sfogo sublime

ricerca continua

connessioni stimolanti

ecco gli ingredienti della seconda edizione del festival underground tutto al femminile…
MALA FEMME VOL.2
ispirato al FEMME FATALE(LONDRA), AL FEMME FRACTAL(BERLINO) E AL FEMME BRUTAL(BARCELLONA)

il festival riunisce artiste donne di vario genere provenienti da italia e europa le quali daranno vita a uno spettacolo di 2 giorni alternado qualsiasi tipo d’arte…

Dalla musica con dj e musiciste, dall’arte con esposioni di fotografie, quadri, writers, installazioni e tatoo convencion…Dall’arte di strada con giocoliere, acrobate e attrici, il tutto contornato da Bancarelle di autoproduzione di qualsiasi genere…

PROGRAMMA FESTIVAL…

SABATO 26

ore 15: Apertura Cancelli

inizio tatoo convencion (Enoteca)

esposizioni (Baretto)

bancarelle (Tendone e Esterno tendone)

Ore 16: Hip-pop zone (Portico)

Ore 18: Musica dj

Ore 20.30: Sfilata di moda (Tendone)

Ore 22.00: Spettacolo Acrobatico

Ore 00.00: Inizio dj set nigth

zona elettro/break (Portico)

zona tekno/goa (Tendone)

Durante la notte si esibiranno tutte le giocoliere e le acrobate freestyle…

Ore 04.00: Chiusura cancelli

DOMENICA 27

Ore 16.00: Apertura cancelli

inizio tatoo convencion (Enoteca)

esposizioni (Baretto)

bancarelle (Tendone e Esterno)

Ore 17.00: Dibattito (Portico)

Workshop hula hoop (tendone)….

Ore 19.00: Musica dj (Tendone)

Laboratorio di bolas,pois e swinging (Cortile)

Ore 21.00: Musica live(Tendone)

Ore 23.00: Musica dj (Tendone)

Ore 00.00: Chiusura Cancelli

L’ingresso è di 10 euro con sottoscrizione ed è valido per sabato e domenica…

Per chi verrà solo la domenica il costo d’ingresso è di 4 euro…

A breve i nomi delle artiste che parteciperanno…

Il festival è aperto A TUTTE LE ARTISTE, se siete interessate a partecipare iscrivetevi al gruppo:

https://www.facebook.com/groups/255387934640780/

STAY TUNED

>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out , info point !!!! <<<<<>>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

11816360_10154300648358840_5389547685927135893_o

c.s.a. Kavarna
Via Corte 11

Via Maffino Maffi 2A (Cascinetto),
26100 Cremona

 

DJ & Live Sets from the underground…
Anomala
Badunionz Sound System
DoggoD Sound System
No Rulez Crew
SabotaZ Crew
:: CHILLOUT & INFO S.O.S.TANZE BY L.A.B.57 ::
____________________________________________________

:: APERTI ALLE BANCARELLE D’AUTOPRODUZIONI E ALLE DISTRO ::
____________________________________________________

:: NO NAZI/FASCI – NO SBIRRI – NO INFAMI ::
____________________________________________________

Metterci nella serena prospettiva che non ci sarà ritorno alla normalità, per abitare questa irreversibilità.
Gli spazi non si sgomberano, Kavarna resiste!

 

 

 … >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

21rocktekRock planet club

VIA TRITONE, 77, 48015 Pinarella, Emilia-Romagna, Italy
https://www.facebook.com/events/971565352903403/
>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out e info point !!!! <<<<<
 

 … >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

magnetik

magntik15
>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out e info point !!!! <<<<<

>>> info @ https://www.facebook.com/events/1610672012547032/

 

 … >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

overgate8agos
https://www.facebook.com/events/437023776466392/
>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out e info point !!!! <<<<<

 

 … >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

vandal

Rock planet club

VIA TRITONE, 77, 48015 Pinarella, Emilia-Romagna, Italy
https://www.facebook.com/events/415927651940941/
>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out e info point !!!! <<<<<

 

….… >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

coccoVillino Ricci Occupato
via Ceccarelli n. 14 – Rimini
https://www.facebook.com/events/905449476183655/908752152520054/

Lunedì 3 Agosto
> ore 19
Aperitivo #seminiamoindipendenza

> ore 20.30
Assemblea Pubblica: l’ikea dell’elettronica e l’austerity proibizionista uccidono

Hanno confermato la loro partecipazione:
Leonardo Montecchi direttore della Scuola Bleger, Max del Lab57, Cristian Tamagnini operatore di strada, Giovanni Paglia deputato e firmatario della proposta di legge per la depenalizzazione della Cannabis sia per uso terapeutico che ludico, Raffaella Sensoli Portavoce Regionale – Consigliera Regionale, introduce Rita Meggie Tkachuk Casa Madiba Network.

>>L’ikea dell’elettronica e l’austerity proibizionista uccidono<<

La morte del giovane sedicenne al Cocorico è stato un evento drammatico che ci ha molto interrogato.
Ad essa è seguita una narrazione mainstrem sulla stampa sia nazionale che locale, tossica , fuorviante, ricca di inesattezze formali sulle reali cause che hanno portato al decesso di Lamberto e a cercare un capro espiatorio, il solito nemico pubblico e mostro da sbattere in prima pagina, individuato nell’amico 19enne che ha ceduto la sostanza, definito come un pericoloso pusher.
Lamberto e il pericoloso pusher frequentavano lo stesso liceo a Città di Castello.

Due vite spezzate, vittime entrambe da un lato dell’austerity proibizionista che ha cancellato in un decennio le politiche di riduzione del danno per concentrarsi sulla prevenzione primaria (siccome l’uso delle sostanze è vietato dalla legge, allora non deve succedere e quindi la prevenzione primaria si deve limitare a prevenire il contatto con la droga e a reprimere il fenomeno); dall’altro vittime delle logiche che soggiacciono ad un modello di divertimento che abbiamo volutamente definito “l’ikea dell’elettronica”, dove il turista che viene in Riviera esclusivamente per il divertimenti mento e i grandi eventi estivi (Notte Rosa e Molo Street Parade) è parte integrante del sistema di produzione territoriale, che lega i modelli di produzione (lo sfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici stagionali, l’illegalità diffusa nell’organizzazione dei servizi turistici) a quelli del consumo.

I turisti sono consumatori a tutti gli effetti e in qualche modo anche loro, come i lavoratori e le lavoratrici stagionali, sono ridotti a mera merce. Per loro non c’è nessuno Stato Sociale, o servizi ad hoc.
La chiusura dei locali dopo questi fatti è una soluzione?
L’aumento dei controlli e degli apparati repressivi dispiegati ad esempio negli ultimi due week end in Riviera, dopo i tragici fatti, può salvare vite umane? Può limitare i rischi che accadono altri ulteriori episodi?
Noi crediamo di no, se Lamberto e l’amico “Pusher” avessero avuto le corrette informazioni, due vite sarebbero state salvate.
A uccidere il ragazzo, dunque, potrebbe non essere stata solo l’ecstasy in sé, ma come la sostanza è stata assunta nella totale: mancanza di un’informazione completa, sulle quantità, sui rischi, sugli effetti.
“Ecco perché la domanda corretta da porsi non è ‘chi è il pusher’, ma se ‘c’era acqua in discoteca’, se c’erano degli operatori per informare su questi rischi’, se ‘c’era qualcuno che tenesse d’occhio la pista e portasse acqua a chi ballava da troppo tempo o dava segni di scompenso”.

Per queste ragioni proponiamo una discussione pubblica e partecipata che non si limiti a parlare della necessità di un generico antiproibizionismo tout court, ma che si sforzi di collocare questo evento drammatico dentro il quadro di cristallizzazione della crisi economica e alla conseguente implementazione delle politiche di austerity che hanno portato allo smantellamento dello Stato Sociale e dei servizi sociosanitari.
Crisi e neoliberismo che sul tema delle dipendenze e del consumo di sostanza hanno favorito ulteriormente, dopo un decennio di Fini/Giovanardi, politiche proibizioniste che non attaccano minimamente ad es. il narcotraffico e i ricchi profitti di questa filiera della produzione illegale e smercio di sostanze sempre peggiori per qualità e taglio.

Nonostante ciò finalmente è stata depositata in Parlamento una proposta di legge per depenalizzare il consumo di cannabis sia per uso ludico che medico.

Allora alcune domande da porsi per costruire una riflessione collettiva potrebbero essere:
quali forme mutualistiche sviluppare dopo il fallimento del proibizionismo e la cancellazione dello Stato Sociale e quindi della riduzione del danno? Come aprire un dibattito aperto, pubblico e partecipato a partire dalla proposta di legge sulla cannabis?
Come costruire campagne sociali e coalizioni di scopo intorno a questi temi, in grado di riportare in auge il tema della prevenzione a 360°, in particolare di quella terziaria “vale a dire prevenire che un consumatore occasionale ne riceva un danno e sviluppi una dipendenza”?
Come ridare centralità al lavoro degli operatori del settore anche nell’individuazione di buone pratiche di riduzione del danno sperimentate già in alcuni paesi europei e molto efficaci per evitare tragedie come queste?
Come rispondere ad un dibattito mainstream che parla di cani antidroga, militarizzazione degli spazi dell’aggregazione gestita in riviera, trasformazione delle città in grandi prigioni a cielo aperto, sperimentazione di nuove pratiche repressive che potrebbe poi diventare modello diffuso di intervento anche altrove senza peraltro incidere minimamente sulle cause e sui rischi connessi all’uso di sostanze?
Vi aspettiamo!
#SeminiamoIndipendenza

>> Vedi anche il nostro recente post: Il Business Proibizionista uccide ancora

 >>>>>>> CLICCA QUI per leggere TUTTO <<<<<<<

Cerca