12976848_899745880124184_4244845575293963636_o

vignetta-fideiussione-canapisahttps://www.facebook.com/events/1024506987630418
http://osservatorioantipro.org/?page_id=818

STAI TUNED!!!

vedi anche l’articolo di Alessandro de Pascale:
Le fideiussioni proibizioniste del Comune contro il Canapisa
– Pisa. Per autorizzare la street antipro, chiesti 5 mila euro di cauzione

 

CANAPISA STREETPARADE – 16ma edizione

Manifestazione nazionale antiproibizionista, antipsichiatrica, ambientalista ed ecologista

Partenza h 17:00 in Piazza San Antonio a Pisa.

>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente col suo ormai mitico camper dipinto da Blu, postazione mobile chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, etc…!!!! <<<<<

Per una maggiore consapevolezza :

Il proibizionismo planetario ha ormai compiuto 51 anni, tanti sono gli anni passati dalla prima Convenzione ONU del 1965 sugli stupefacenti voluta dagli USA con l’obiettivo dichiarato di reprimerne il traffico e la diffusione nel mondo, ma con il risultato evidente di aver contribuito all’espansione del primo, facendo schizzare alle stelle il valore di mercato della merce droga, e aver favorito la seconda, rendendola clandestina e creando dal nulla l’annichilente mito della droga come scelta di ribellione al sistema.

L’azione e la propaganda proibizionista hanno così sortito l’effetto contrario, acuendo e non superando le problematiche che si proponeva di risolvere.

Oggi, proprio dalla patria stessa di questo dispositivo di governo, tutto l’apparato proibizionista viene messo in discussione! Negli USA infatti sono già 17 gli stati che hanno messo mano alle legislazioni sugli stupefacenti e hanno dato vita a diversi gradi e livelli di legalizzazione della cannabis.

Alcuni Paesi sudamericani propongono i loro modelli di legalizzazione contestando e richiedendo apertamente la modifica, o addirittura lo stralcio, delle Convenzioni ONU sulle droghe.

Il rapporto stesso della Commissione ONU preposta alla valutazione delle politiche antidroga mondiali ha messo in discussione il paradigma repressivo sulle droghe e apre le porte ai discorsi sulla legalizzazione, ispirati ai dettami dell’approccio propri della cosiddetta “Riduzione Del Danno”.

In Italia invece il dibattito sulla legalizzazione sembra congelato, è del tutto assente o lo troviamo nei punti secondari delle agende politiche dei partiti e dei movimenti, non se ne parla apertamente e pubblicamente, la questione è quasi tabù. Anche se, in alcune regioni e negli ambienti degli addetti al lavoro degli operatori di strada c’è molta effervescenza sperimentale.

Dopo mezzo secolo di narcotraffico globale, con tutto il suo portato di lacrime e sangue e fiumi di denaro, che come un’alluvione devastante ha provocato e sta provocando disastri umani, sociali e ambientali, i discorsi attorno alla legalizzazione si stanno concretizzando.

Purtroppo in Italia come in Russia, alcune forze politiche, che fanno della retorica della “Guerra alla Droga” un cavallo di battaglia elettorale centrale, e le organizzazioni dedite al narcotraffico, che hanno accumulato enormi profitti con il mercato nero delle sostanze illecite, rappresentano i principali ostacoli alla legalizzazione e all’affermarsi di politiche ragionevoli sull’argomento.

Più di 50 anni di proibizionismo hanno creato molta ignoranza e falsi miti, paure e cattiveria, hanno distrutto relazioni, deflagrato il tessuto sociale scatenando piccole e grandi guerre. Gli effetti più nefasti e sottili di tali politiche sono l’odio e la paura che rendono quasi impossibile la costituzione e alla diffusione di un pensiero critico e consapevole sul fenomeno droghe e della convivenza delle diversità umane, anzi favoriscono un specie di razzismo contro chi è etichettato come drogato e ne favorisce l’apartheid, con tutto il suo portato di discriminazioni e di mostrificazione delle persone incasellate in schemi e categorie predefinite per la loro provenienza etnica, religiosa o che fanno particolari scelte di stile di vita.

Questa naturalmente è una “Visione del Mondo”, una possibilità, non la sola ed inevitabile realtà che bisogna accettare necessariamente. Purtroppo questa visione spesso negata, alla quale non si da alcun credito o possibilità di espressione, viene così paradossalmente rafforzata.

Quindi è fondamentale per un cambiamento dell’attuale paradigma personale e collettivo sugli stupefacenti, che qui si auspica, partire proprio dal l’accettazione e dal riconoscimento anche di questa “Visione del mondo” come presupposto per il suo superamento.

Questa Visione, in maniera clandestina, viene presa in considerazione e viene sperimentata, valutata, socializzata e verificata ogni giorni, da migliaia di persone nel mondo. Lentamente sta prendendo piede un’ altro paradigma sociale che si diffonde tra quei soggetti e in quegli ambienti e movimenti sinceramente interessati e disinteressatamente sensibili a questioni ambientali, economiche e spirituali.

La “Carta dei Diritti delle Persone che Usano Sostanze” del 2014, alla stesura della quale lo stesso Osservatorio Antipro Canapisa ha lavorato, rappresenta un chiaro esempio per comprendere cosa si muove lontano dalle luci della ribalta mediatica mainstrem.

La situazione appare scottante e pericolosa, ma allo stesso temo viva ed entusiasmante, intorno a questa vicenda si definiscono importanti equilibri di potere personale e collettivo che coinvolgono e riguardano tutti, più o meno direttamente.

Viviamo sulla stessa barca ed è vitale che la rotta non sia quella del proibizionismo che con le sue politiche repressive di concreto ha provocato principalmente militarizzazione, disastri e degenerazione di varia natura, in primis quella di aver rafforzato organizzazioni sociali spietate e senza scrupoli che per mezzo del riciclaggio del denaro sporco hanno potuto investire enormi risorse per il controllo dell’intero sistema economico nel quale ci ritroviamo coinvolti.

“Quando l’Ultimo albero sarà abbattuto, l’ultimo fiume avvelenato, l’ultimo pesce catturato, soltanto allora ci accorgeremo che i soldi non si possono mangiare”
Antica profezia Cree degli Indiani Lakota

Iniziamo ad essere protagonisti della nostra vita nel rispetto degli altri e di noi stessi e della nostra e dell’altrui essenza

Per essere liberi da ogni dipendenza imposta e
non essere strumento inconsapevole di nessuno!

Senza una cultura critica e consapevole della storia delle droghe e del loro uso rituale, si prospetta un futuro non chiaro.

Canapisa vuole essere una luce che renda più chiara la strada da percorrere nel presente e nel futuro.

Canapisa 2016
Piazza sant’antonio
Sabato 28 maggio PISA

Manifestazione nazionale antiproibizionista,antipsichiatrica, ambientalista ed ecologista

 

vedi anche
“La Repubblica” delle cazzate: in Piazza dei Cinquecento, la polizia disperde i partecipanti alla Million Marijuana March

Sabato sera, 7 maggio 2016, è apparsa sui siti ADUC Droghe e Roma.Repubblica.it una notizia falsa e priva di fondamento, anche detta “bufala”, che riguarda la Million Marijuana March (Italia).

Sia ADUC che Repubblica affermano, infatti, che «I MILLE» partecipanti al «MARIJUANA DAY» sarebbero stati dispersi dalla polizia, per via di una presunta «MANIFESTAZIONE NON AUTORIZZATA».
>>> leggi tutto l’articolo…

 

 …

cropped-bannerNettunomanifestoDefinitivo

https://ciemmona.noblogs.org/

Il Lab57 sostiene da sempre la Critical Mass contro lo strapotere delle auto e dei petrolieri!!!!

Il 27-28-29 maggio 2016, a Bologna:

Ciemmona 2016 – Critical Mass Interplanetaria.
Per tutte e tutti, senza tatto.
Ciclisti critici, punk, pericolosissimi estremisti vegani e meccanici resistenti vi invitano a Bologna, per pedalarne i portici, conoscere i tanti spazi autogestiti, godere del movimento a spinta umana più orsacchiotto che c’è e forse per stremarvi con improvvise salite ai famosi colli bolognesi, da tempo lussuosamente gentrificati.

Che nascano centomila Critical Mass Interplanetarie, a Roma come a Parigi, Milano, Bruxelles, Madrid o Bari e financo ad Aosta.
E, in linea con l’assenza di linea, nessuna potrà disconoscere l’orizzontalità di questo percorso, lanciato ad alta velocità (quella buona) verso la costruzione della
CIEMMONA INTERPLANETARIA 2016, a Bologna.

Un percorso costellato di numerosissime assemblee, fondato sull’autogestione e sulla partecipazione di tutte e tutti, vissuto dal basso e condiviso con la maggior parte delle realtà
cicloattiviste italiane.
R-Esisteranno due, tre, centomila Ciemmone?
Non ci spaventa, non ci preoccupa, non ci riguarda (non avendo padroni).
Rivendichiamo la Ciemmona nomadica, Interplanetaria, e per quest’anno, bolognese.
Comunque sarà, forti della figura del Nettuno (e del sindaco Bruce WilLee) da Bologna c’è chi dice: “siate come la fucking acqua”. Prendete la forma della strada dove scorrete.
Di più:
PRENDETEVI LE STRADE IN OGNI CITTA’ in cui riuscirete ad essere massa critica!
Perchè ciò che è nato per diffondersi altro non può fare se non assediare i molti luoghi della quotidiana follia.
Dove la schiavitù di un traffico alimentato da armi di distruzione di massa tradisce l’esistenza di un più letale sistema plasmato dall’irrazionalità capitalistica, lì la (massa) critica ha ragioni da far scorrere.

Contro fascismi, razzismi, specismi e vere dipendenze da falsi “social network”, pedaliamo, mangiamo, festeggiamo e cospiriamo insieme.
Nelle città non andremo solamente in bici, a celebrare la rivoluzione che vogliamo ogni giorno; guarderemo, ancora una volta, a tutti i luoghi in cui il dominio assassino agita guerre per il
petrolio; riserva prigionia per le vere masse critiche dei nostri tempi, quelle dei migranti, di chi fugge a fame e bombardamenti, degli esclusi dalla crescente voracità di una crisi permanente che insiste a sequestrare ricchezza concentrandola per pochi tecnocrati; al ricatto di una macchina politica interessata alla sola riproduzione del potere ed al controllo di vite assoggettate da un “login” all’occhio di NSAuron.
Riprendete il vostro coraggio!

Critici, muovete contro lo stato di cose presente. “Nè dio nè capo nè motore” è solo l’inizio.
Il resto è il lavoro comunardo di chi si sporca le mani, ripara il proprio mezzo, ravviva in ogni momento l’Autonomia delle pratiche, la Sovversione Poetica delle strade & le possibilità della Cospirazione Comune in difesa della Terra.
Anno domini 1312
Bologna
Alcunx pedalanti

 

1giugnoxm
https://www.facebook.com/events/1702708270014788/

Mercoledì 1 giugno
alle ore 19:00

Collettivo SalaProve XM24 presenta:

YOUR COUNTRY IS SHIT D.I.Y. fest

PORTA LA TUA DISTRO //
SPAZIO DISTRO e BACHETTI DIY (necessario: contattaci x un tavolo)
dal pomeriggio, vorremmo dare spazio e supporto alle DISTRO (di dischi,libri,fanzine ed autoproduzioni in genere!), chiunque abbia una distro e vuole portarla è il/la benvenut*!!

Ore 19:00-MOSTRA ILLUSTRAZIONE
(Maggiori info su artisti/illustratori coming soon).

Ore 20:00-APERICENA VEGAN
in onda su Radiocittàdelcapo con dj set selezione hc-punk-grind 100% diy e fuori dagli schemi, come solo quei pazzi di THIS IS NOT AN EXIT sanno fare.

Ore 21:00- LIVE STAGE

IMPLORE (unica data italiana)
https://www.facebook.com/imploreband

THE RADSTERS
https://www.facebook.com/theradsters

HORROR VACUI
https://www.facebook.com/Horror-Vacui-230480293648769

EGESTAS
https://www.facebook.com/egestasband

T.N.F. (Tumor Necrosis Factor)
https://www.facebook.com/TNF-523175301068769/

SKALP
wwwDBeatcom

BENEFIT per il TELEFONO VIOLA
(linea d’ascolto contro gli abusi della psichiatria e per la liberazione dalla morsa psichiatrica e dalle sue gabbie) a cura di
Lab57 (Laboratorio Antiproibizionista Bologna) e del Collettivo Antipsichiatrico di Bologna, che curerà anche l’info point e il materiale presente alla distro che si allestirà durante la serata.
Il ricavato andrà in benefit al Collettivo (spese legali e mediche per persone che ritengono di aver subito abusi da parte della psichiatria).

www.telefonoviola.org

 

 …

scheda-ballottaggio-sanrt-2-biscomunicato taz

>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, etc…!!!! <<<<<

>>>> se vuoi ricevere i numeri delle info-linezzz (solo poche ore prima dell’evento), devi essere già iscritto alla Newsletter,
iscriviti a questo link…. <<<<

>> NO SPAM ON FACEBOOK & OTHERS SOCIAL NETWORKS !!! <<<

 

 …

13263821_489971444533004_2941235118526256928_nhttps://www.facebook.com/events/993045357481326/

Venerdì 10 giugno
alle ore 20:00

FRIGOTECNICHE

XM24 – via Fioravanti 24, 40129 Bologna


Il lato oscuro della mente è quello buio, quello dove la “razionalità” di cui attualmente siamo capaci non riesce a giungere, quello che l’uomo moderno fatica a comprendere e quindi teme.
La nostra idea di ragione si basa perlopiù su convenzioni sociali, su un’idea di ” normalità” che altro non è che un construtto, un’ ennesima narrazione univoca data dalla volontà di mantenimento di un dato sistema socio-politico e sopratutto economico. Se a questo dato sistema non sei funzionale, se il tuo pensiero, i tuoi desideri o la tua stessa vita ne rappresentano eccezioni..allora sei un pazzo, sei malato, sei un errore, sei da allontanare, ingabbiare, sedare, correggere. Solo dopo averti spezzato,ucciso dentro..solo allora sarai re-inseribile. Ma la verità è che continuerai a far più comodo dentro alle loro strutture ; lo fanno ” per il tuo bene”..e, diciamocelo, sei anche una discreta dose di profitto.
Sul lato oscuro della mente invece, specie quando fuoriesce, è ben più arduo fare profitto ; rappresenta l’ignoto e in quanto tale l’incontrollabilità.. e per alcuni di noi, un possibile spazio di libertà.
Il lato oscuro fa paura, perchè troppo spesso è l’idea della possibilità d’esser liberi a farci tremendamente spavento.
Ciò che vi proponiamo è una serata per superare assieme questa paura, per discuterne, per sublimarla soddisfando il palato, per allontanarla danzando… perchè siamo tutt* folli !
E felici, in ciò che a loro appare come oscurità, noi rideremo della loro ” normalità” …

ore 20 :
CENA vegan BENEFIT per il TELEFONO VIOLA

(linea d’ascolto contro gli abusi della psichiatria e per la liberazione dalla morsa psichiatrica e dalle sue gabbie).
La cena sarà a cura degli attivisti di Frigotecniche, Tel.Viola, Lab.57 e del Collettivo Antipsichiatrico di Bologna, la quale curerà anche l’info point e il materiale presente alla distro che si allestirà durante la serata. Il ricavato andrà in benefit al Collettivo (spese legali e mediche per persone che ritengono di aver subito abusi da parte della psichiatria).

A seguire ( ore 21.30/22.00 ) :
CONCERTO FRIGOTECNICO con :

– AUS TEARS (ex Devai ; electro-wave, dark-wave, minimal electro-post-punk, con un ex membro di N.S.A., Biocidio, ANXTV e altri nomi non-noti della scena A-punx di qualche anno fa.. dalla Finlandia più gelida..)
https://austears.bandcamp.com/

– TOTENWALD ( goth-punx con attitudine A-punk, con voce alla Beki Bondage e una drum-machine che renderebbe felici i CrEss.. dalla Berlino crestata, spillata, notturna e decadente.. )
https://thisistotenwald.bandcamp.com/releases

– BESTRASS ( dream-wave, post-punk.. con un ex membro dei Repulsione, dalla Bologna malinconica e sognante.. )
https://bestrass.bandcamp.com/releases

– INFAMIA ( punk as fuck, danze macabre, schifo restituito alla norma, viziosità e decadenza dalla Modena che muore di noia.. )
https://soundcloud.com/infamia

…dopo il concerto, se verrete in tanti e carichi, ma sopratutto se i tempi e le energie lo permetteranno : selection punk rock, post-punk, goth, new-wave, dark-wave….

il tutto, come nella migliore tradizione frigotecnica :
FOR PASSION, NOT FOR BUSINESS !!!

13235564_797972693673566_625420575443846660_o
https://www.facebook.com/events/275206546150061/

Dal 17 giugno alle 19:00

Macao m

Viale Molise 68, 20129 Milano

17/18 GIUGNO, MACAO

Alessandro Adriani
Alex Coulton
Article Collection
The Bug + Miss Red
Bronze Teeth
Exoteric Continent
Les Enerves
MCMXC
Minimal Afrika
MXLX
Nkisi
N.M.O.
Okee Ru
Petit Singe
Rezzett
Sammartano
Simbiosi
Zuli
Zweikommasieben

& more to be announced…

/////////

Saturnalia è una celebrazione.
Festeggiamo per la terza volta, costruendo a Macao un crocevia tra percorsi musicali differenti, tra tutti quelli battuti durante la stagione che si conclude e altri che non abbiamo ancora conosciuto. Apriamo lo spazio per rendere il suono inclusivo e assimilarne le sfumature. Per annullare i ruoli e le gerarchie sociali, per condividere, affermare, cambiare. Per divertirci e crescere, confonderci tra tutti i corpi amici che sentono la stessa necessità di mescolarsi.
È ancora un’occasione per far dialogare un underground fatto da gente che parte da geografie diverse e segue traiettorie diverse, ciascuno nella sua lingua. Ognuno segua quello che vuole davvero e cerchi quello che vuole portare fuori.

///////////

>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente col suo ormai mitico camper dipinto da Blu, postazione mobile chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, etc…!!!! <<<<<

giovanni_serpelloniGiovanni Serpelloni, arrestato per tentata concussione l’ex capo del Dipartimento antidroga di Palazzo Chigi

da Il Fatto Quotidiano 13/5/16

E’ finito agli arresti domiciliari per tentata concussione e turbativa d’asta Giovanni Serpelloni,  capo del Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dal 2008 al 2014, medico vicino a Carlo Giovanardi e noto per le sue posizione proibizioniste e intransigenti in fatto di stupefacenti. I fatti contestati riguardano il suo successivo incarico di direttore del Sert, il servizio tossicodipendenze, di Verona, per episodi accaduti tra il 2012 e il 2014. La Guardia di Finanza ha notificato il provvedimento a lui e ad altri due dirigenti dell’Ulss 20: Maurizio Gomma e Oliviero Bosco. Altre tre persone sono indagate per gli stessi reati. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica e condotte dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Verona, riguardano l’appalto del software gestionale utilizzato in Sert (i servizi pubblici per le dipendenze) di tutta Italia.

Di Serpelloni e del caso del software contestato si era occupato nei mesi scorsi anche ilfattoquotidiano.it. Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero preteso illegittimamente dalla società assegnataria dell’assistenza e manutenzione del software prima una percentuale sulle somme incassate e successivamente, a nome dell’Ulss 20 ma all’insaputa della direzione generale, 100mila euro a titolo risarcitorio, minacciando la revoca dell’incarico.  Nel corso delle indagini è emerso che la successiva gara sarebbe risultata essere stata turbata, e assegnata, con collusione e mezzi fraudolenti, a una società compiacente; i soci-amministratori risultano a loro volta indagati nel procedimento.

>>> continua a leggere l’articolo
images.duckduckgo.com
Questa in sintesi la cronaca giudiziaria, che speriamo metta fine alla lunga lista di disastri dello Zar Anti-Droga in Italia, compagno, anzi camerata, del Senatore Carlo Giovanardi nella folle e tragica Caccia alle Streghe Proibizionista che negli ultimi 10 anni ha provocato decine di migliaia di arresti, morti e miliardi di soldi pubblici sprecati o rubati, come nel caso dell’ esimio professore.

Non riusciamo a gioire pensando alle vittime di questa guerra, agli insulti alle loro famiglie nel nome di una guerra falsa, corrotta e senza nessuna base scientifica, come sempre abbiamo sostenuto.

Vale la pena di ricordare l’inchiesta profetica di Alessandro De Pascale su il manifesto dell’aprile 2014, su appalti per 3 milioni di euro, affidati senza gara e senza valutare altre offerte, agli “amici” veronesi al posto del Cnr, anche per ridurre i dati sul consumo di sostanze in Italia, a beneficio della “loro” legge Fini-Giovanardi, poi cancellata della Consulta perché incostituzionale:

Antidroga, il business delle relazioni politiche

Ora però ci restano le macerie del Dipartimento Antidroga, bloccato dopo Serpelloni, incapace di diramare allerte nazionali ai servizi su sostanze pericolose o letali, proprio a causa di quel software gestionale oggetto dell’ inchiesta bloccato indebitamente da Serpelloni, mentre in Italia si continua a morire nell’ ignoranza Proibizionista senza nessun segnale dal governo omertoso di Renzi, troppo attento ai sondaggi e ai  tornaconti elettorali per occuparsi di chi è ancora in galera per una legge cancellata, per porre fine alla persecuzione dei consumatori di cannabis, senza nessuna base scientifica, depenalizzando finalmente l’uso e la coltivazione ad uso personale, togliendo così un mercato enorme alle Narcomafie.
Qui sotto trovate una rassegna dei falsi studi scientifici e delle costose campagne mediatiche di Serpelloni, grazie ad un articolo su DolcevitaOnline di Aprile 2014:

In memoria di Serpelloni. Una raccolta dei suoi capolavori

LA SCIENZA DEL DPA (come divulgare ricerche condotte e approvate da sé stessi e farle passare per verità). 
Il metodo sviluppato per i dati sui consumi di droga non è certo un’eccezione per Serpelloni, il quale in questi anni si è fatto notare anche per il suo superattivismo editoriale. In soli quattro anni ha fondato una quantità spropositata di siti internet (nel sito del Dpa ne sono citati 15) con nomi come “Cannabis e danni alla salute” e “La strada per una guida sicura”. Ma non solo perché, come rivelato da una inchesta della Lila, Giovanni Serpelloni è anche colui che firma gli articoli pubblicati dall’Italian Journal of Addiction, diretto da Serpelloni stesso, e pubblicato e finanziato dal Dpa, di cui a capo c’era appunto Giovanni Serpelloni. L’Italian Journal of Addiction è la stessa testata che spesso Serpelloni citava come “autorevole pubblicazione scientifica” quando parlava delle sue teorie più bislacche, tipo quella della cannabis che provoca i buchi nel cervello. Insomma, il Dipartimento Antidroga, fa anche ricerca: se la commissiona, se la finanzia, se la giudica e se la pubblica. Una perfetta garanzia di indipendenza scientifica, non trovate?
….

Della Teoria bufala dei buchi nel cervello della cannabis, a noi restano solo i buchi del bilancio dei finanziamenti pubblici, mentre invitiamo a riflettere ed agire di conseguenza a chi in questo buio decennio tra politici, medici, amministratori di servizi pubblici ha avallato e diffuso queste politiche criminali in molti casi usandole per fare carriera.

Noi non dimentichiamo.

Vedi anche:
Serpelloni, i reati e le responsabilità
Proibizionismo. L’arresto dell’ex zar antidroga fa emergere le forzature ideologiche e politiche

di Il Manifesto del 15.05.2016

million-marijuana-march-2016-ciaone-la-repubblicaLa censura Proibizionista però non si è  certo fermata di fronte a questo arresto eccellente, guardate infatti cosa sono riusciti a inventarsi riguardo alla grande manifestazione  antiproibizionista di sabato scorso:
Million Marijuna March @ Manifestazione Nazionale StopTTIP, Sabato 7 Maggio, Roma

Pubblichiamo la smentita dal sito degli organizzatori della manifestazione:

 “La Repubblica” delle cazzate: in Piazza dei Cinquecento, la polizia disperde i partecipanti alla Million Marijuana March

Sabato sera, 7 maggio 2016, è apparsa sui siti ADUC Droghe e Roma.Repubblica.it una notizia falsa e priva di fondamento, anche detta “bufala”, che riguarda la Million Marijuana March (Italia).

Sia ADUC che Repubblica affermano, infatti, che «I MILLE» partecipanti al «MARIJUANA DAY» sarebbero stati dispersi dalla polizia, per via di una presunta «MANIFESTAZIONE NON AUTORIZZATA».
>>> leggi tutto l’articolo…

 

 

Si avvicinano le elezioni amministrative in molte città chiave per il governo, e puntualmente riesplode la follia persecutoria proibizionista contro la Cannabis, facile argomento per acchiappare voti capitalizzando l’ignoranza prodotta ad arte nel bel paese da politici senza scrupoli e istituzioni omertose e compiacenti.
Fortunatamente la denuncia e la contro-informazione restano armi potenti e puntuali se condivise e diffuse, grazie anche a professionisti nel campo medico e della ricerca, che non hanno paura di continuare a cercare e condividere le evidenze scientifiche condivise e accertate a livello internazionale.

Iniziamo dalla più recente madornale castroneria prodotta nella capitale dal fresco candidato sindaco del centro-destra che in tv così di presenta:

Alfio-MarchiniMio figlio si svegliò dal coma perché non fuma le canne, il delirio di Marchini su La7

da un puntuale articolo su Dolcevita online del 4 maggio

«Mio figlio purtroppo ebbe un incidente, rimase in coma e fu miracolato. In quella settimana di angoscia, lo dico a tutti i giovani che stanno qua, mi dissero: se suo figlio ha avuto un recupero è solo perché non si è mai fatto delle canne. Perché anche una sola canna causa danni seri al cervello». Parole di Alfio Marchini, candidato a sindaco di Roma appoggiato da Forza Italia e Nuovo Centro Destra, durante un’intervista al programma Piazza Pulita andato in onda su La7.

Marchini entra così sul dibattito sulla legalizzazione che negli ultimi giorni ha caratterizzato il dibattito tra i candidati romani, dopo l’appello per la legalizzazione della candidata dei 5 stelle Virginia Raggi.

Il candidato di Berlusconi e Alfano si lancia anche in una spericolata spiegazione scientifica: «Io ho fatto uno studio approfondito su cosa succede nella testa di un giovane che ha avuto un incidente, sa cosa succede? Si crea una frattura nel cervello e quindi l’input tra una parte e l’altra della testa riesce a trovare un altro sentiero e quindi a riconnettere le parti del cervello che hanno subito un danno». Per Marchini, quindi, questo processo diventerebbe impossibile nei giovani che hanno fumato anche una sola canna.

Gli “studi approfonditi” di Alfio Marchini vanno però, purtroppo per lui, nella direzione opposta a quella della comunità scientifica. A confermarlo a Dolce Vita è il professor Vidmer Scaioli (neurologo all’Istituto Carlo Besta di Milano): «Marchini racconta delle fantasie – afferma – che non so dove abbia raccolto. Non solo la mia esperienza quotidiana ma anche la ricerca scientifica lo smentisce ed anzi va in direzione opposta, visto che si stanno scoprendo sempre più evidenti facoltà neuroprotettive da parte dei cannabinoidi».

«Uno studio condotto dal Los Angeles Biomedical Research Institute su quasi 500 pazienti colpiti da traumi celebrali – continua Scaioli – ha addirittura mostrato che i pazienti che consumano cannabis hanno recuperi nettamente migliori e una minore probabilità di decesso a seguito di incidenti, appunto grazie alle facoltà neuroprotettiva dei cannabinoidi» (una sintesi dello studio in questione è consultabile in questo articolo, ndr).

Insomma, a quanto pare Alfio Marchini è in possesso di studi talmente approfonditi da essere sconosciuti alla letteratura scientifica. A questo punto siamo in attesa di sapere quando li presenterà in qualche convegno di neurologia.

Ora torniamo invece a Bologna, dove appena 15 giorni fa ha perso la vita un 19enne studente di Rimini probabilmente per un tragico e inconsapevole mix fatale di alcool e traquillanti, ma la stampa e la Procura di Bologna, invece,  ha già la sua diagnosi con conseguente anatema, senza attendere i risultati dell’autopsia nè pareri medici più sensati:

“Con nessun tipo di droga si può ormai scherzare, comprese quelle che ancora vengono definite, secondo me non correttamente, droghe leggere”.

Queste dichiarazioni sui media hanno costretto i genitori a fare luce su questa tragedia, nel dolore infinito per la perdita del figlio, trovando la forza per dire la verità, e rifiutare lo stigma e la colpa sulla memoria del figlio:

Morto a 19 anni . “Mio figlio prendeva le medicine per dormire”

«Voglio che la gente non si faccia strane idee in testa: mio figlio non era un drogato – dice Lorenzetti, in lacrime – Piergiorgio non assumeva sostanze, e prendeva regolarmente alcuni medicinali solo perché aveva problemi di sonno».

A questo punto non ci resta che lasciare la parola a un articolo puntuale e documentato del Dottor Salvatore Giancane, professionista accreditato con una lunga storia di interventi sia accademici che sul campo nel nostro territorio:

Sulla presunta overdose da cannabis e farmaci avvenuta a Bologna

da DEDIZIONI – Il Blog della SITD del 30 aprile

….

“Considerando le informazioni fornite dalla stampa, gli unici dati di fatto sono l’assunzione di alcol, benzodiazepine e cannabis prima del ricovero e la morte cerebrale prima del decesso. Non sono state fornite informazioni sulla quantità di sostanze assunte, in particolare per quanto riguarda l’alcol ed i farmaci, sulla scansione temporale e sull’eventuale valore dell’alcolemia. Le benzodiazepine, in genere, hanno una scarsa tossicità e provocano raramente overdose, il più delle volte non fatale. E’ comunque noto che l’assunzione contemporanea di alcol o di altre sostanze con effetto depressivo sul sistema nervoso centrale (come i derivati dell’oppio), specie nei soggetti privi di tolleranza, può condurre nei casi più gravi ad una profonda depressione dei centri del respiro, con conseguente insufficienza respiratoria. Per questa ragione il foglietto illustrativo dei farmaci a base di benzodiazepine sconsiglia sempre l’assunzione contemporanea di alcol (o di altri farmaci e droghe con azione depressiva sul sistema nervoso centrale). Secondo il Substance Abuse and Mental Health Services Administration il 25% delle ammissioni al pronto soccorso degli ospedali americani per overdose è stato dovuto all’assunzione contemporanea di benzodiazepine ed alcol.[1] Per quanto riguarda le sostanze illegali, le interazioni note delle benzodiazepine che possono condurre ad un esito letale, oltre l’alcol, riguardano soprattutto i derivati dell’oppio e non la cannabis.[2],[3]

Il farmaco assunto dal ragazzo, in particolare, sarebbe l’alprazolam. Vi sono numerose evidenze scientifiche che documentano come la tossicità di questo farmaco sia superiore rispetto a quella delle altre benzodiazepine così come maggiore sarebbe la sua capacità di provocare overdose in particolari condizioni o in associazione con altre sostanze.[4],[5][6],[7]  In altri termini, assumendo alcol assieme all’alprazolam, la tossicità di quest’ultimo aumenta esponenzialmente. Negli USA, dove muoiono circa 45.000 persone l’anno per overdose da farmaci e droghe e sono avvenuti parecchi decessi di questo tipo, questa è una consapevolezza diffusa, al punto che basta fare una semplice ricerca in google sui possibili rischi dell’assunzione combinata di alcol ed alprazolam per trovare decine di pagine di risultati in proposito su siti medici, blog di esperti, siti scientifici specializzati eccetera. Ne riportiamo solo tre a titolo di puro esempio.[8], [9], [10]

Sempre secondo quanto riportato dalla stampa, durante il ricovero in rianimazione è stata constatata la morte cerebrale del ragazzo. L’ipotesi più verosimile (e statisticamente probabile) è che questa sia stata provocata da una condizione di prolungata ipossia cerebrale, come esito dell’insufficienza respiratoria provocata dall’effetto combinato di alprazolam ed alcol. La cannabis non ha azione deprimente sul SNC e sui centri del respiro e quindi non provoca insufficienza respiratoria; semmai essa provoca broncodilatazione, che migliora la ventilazione, al punto che in passato è stata utilizzata per la cura dell’asma bronchiale, anche in Italia.[11] Un’altra eventualità, peraltro assai rara, è la possibilità di insorgenza di leucoencefalopatia, ovvero di una sofferenza grave e selettiva della sostanza bianca del cervello, che comunque riconosce una genesi ipossica e dunque ancora una volta legata all’insufficienza respiratoria.[12]

Anche se l’assunzione contemporanea di cannabis non ha migliorato certamente la situazione, va sottolineato che nelle statistiche americane, malgrado i numeri oltremodo drammatici di quel Paese, non sono riportati casi di overdose da cannabis né casi in cui la cannabis abbia avuto un ruolo determinante nel provocare il decesso quando assunta in associazione con altre sostanze. E’ invece assai comune, data la grande diffusione della sostanza, che le vittime di overdose per altre sostanze risultino positive alla cannabis. In ultimo, consultando il sito informativo sulle droghe che il National Institute of Drug Abuse (NIDA) ha messo a punto per gli adolescenti americani si può chiaramente leggere che non esiste un’overdose da cannabis, mentre esistono le reazioni acute avverse da cannabis e fra queste la più diffusa è l’attacco di panico.[13]
…..

L’abuso di farmaci da prescrizione da parte di giovani e giovanissimi sta diventando, anche nel nostro Paese, una triste realtà, così come lo è quello di alcol. Secondo i dati preliminari della survey ESPAD-CNR, diffusa proprio nei giorni scorsi, il 4% degli adolescenti della Toscana e della Basilicata ha già sperimentato l’uso non medico degli analgesici oppioidi. Negli Stati Uniti l’abuso di farmaci uccide più di quello di droghe illegali ed il loro abuso, purtroppo, è sempre più diffuso fra i giovani americani. I farmaci coinvolti sono soprattutto gli analgesici oppioidi, che periodicamente tornano alla ribalta per un decesso che riguarda un personaggio famoso (l’ultimo in ordine di tempo è quello di Prince), seguono le benzodiazepine quando assunte in associazione con alcol, farmaci o droghe con azione depressiva sul sistema nervoso centrale. Altrettanto frequenti sono le overdose accidentali, ovvero non dovute alla ricerca di un effetto psicoattivo, ma provocate da una maldestra automedicazione o dal non rispetto di alcune precauzioni, come proprio evitare l’assunzione contemporanea di benzodiazepine ed alcol.

Non è dato sapere se nel caso prima analizzato l’alprazolam fosse stato regolarmente prescritto o se il ragazzo se lo fosse procurato autonomamente, così come non sono note le dosi assunte. Quello che invece è certo è che si è persa un’occasione preziosa per informare i giovani in maniera autorevole circa i rischi connessi con l’abuso (o con il non rispetto delle prescrizioni) dei farmaci e quello di alcol. Si è preferito invece porre l’accento sulla cannabis e sulla pericolosità delle cosiddette droghe leggere, quando questa rimane l’ipotesi meno verosimile sul piano delle evidenze scientifiche ed epidemiologiche. ”
————

>>> leggi tutto l’articolo………

 

Per finire ci teniamo a diffondere queste informazioni riguardo la diffusione del Fentanyl, per cui nè il Ministero della salute, nè il Dipartimento Antidroga o altre istituzioni si sono preoccupate fino ad ora di dare nessun tipo di informazione,  per cui ringraziamo nuovamente il Dott. Salvatore Giancane per le precise valutazioni:

fentanyl-heroin colorsAbuso di fentanyl: la stampa segnala i primi casi in Italia

da DEDIZIONI – Il Blog della SITD del 5 maggio 2016

Oggi è stata diffusa la notizia della denuncia di 6 medici di base della Calabria per prescrizione impropria di preparati a base di fentanyl a tossicodipendenti da eroina. Senza entrare nello specifico degli aspetti attualmente oggetto di indagine (i medici si difendono affermando di essere stati minacciati), la parte importante della notizia è che l’abuso di fentanyl è sbarcato fra i tossicodipendenti da eroina italiani e questo, alla luce delle disastrose conseguenze della sua diffusione negli Stati Uniti, è un fatto molto allarmante.  Per questo motivo ritengo opportuno condividere, oltre alla notizia, alcune importanti informazioni per gli addetti ai lavori e per gli stessi eroinomani, anche in un’ottica di riduzione del danno.

Il fentanyl è un potente analgesico oppioide sintetico, appartenente alla classe delle fenilpiperidine. Come antidolorifico oppioide il fentanyl è circa 100 volte più potente della morfina. Per quanto si riferisce in particolare all’attività analgesica, 0.1 milligrammi di Fentanyl equivalgono approssimativamente a 30 mg di morfina pura (o a 15 mg di eroina). Si tratta di un agonista forte del recettore μ, dotato di elevatissima attività oppioide intrinseca. Il farmaco è utilizzato da circa 20 anni soprattutto per le cure palliative oncologiche in forma di cerotti, lecca-lecca, soluzioni oromucosali e spray sublinguali o nasali. Per avere un’idea della potenza del fentanyl, basti pensare che esso ha provocato la morte di due agenti di polizia americani che avevano imprudentemente toccato una grossa partita sequestrata senza utilizzare i guanti: nell’assorbimento transdermico, infatti, la biodisponibilità del fentanyl supera il 95%. Come agonista puro degli oppioidi il fentanyl può provocare molto facilmente overdose ed insufficienza respiratoria nei soggetti privi di tolleranza o con scarsa tolleranza agli oppioidi, anche a dosaggi bassissimi. La potenza e l’emivita del farmaco (7 ore) rendono problematico l’uso del naloxone in caso di overdose e richiedono somministrazioni ripetute dell’antagonista. Il fentanyl è tristemente famoso anche per essere stato diffuso dai russi attraverso l’impianto di condizionamento durante la crisi del Teatro di Dubrovka, provocando la morte di quasi 200 persone: questo, ancora una volta, restituisce l’idea della potenza del farmaco. Tutte queste caratteristiche fanno del fentanyl un farmaco poco maneggevole e molto problematico per il medico stesso. E’ comunque da sottolineare che il fentanyl, come tutti gli altri analgesici oppioidi, utilizzato in pazienti selezionati da parte di medici competenti si dimostra estremamente utile ed efficace nel campo delle cosiddette ‘terapie compassionevoli’ o cure palliative, sempre più rivalutate in quanto in grado di dare sollievo a persone in condizioni di grande sofferenza e che quindi rispondono alla parte più antica e nobile della professione medica. ”

………

>>> leggi tutto l’articolo………
Noi aggiungiamo che grazie ad uno strumento ancora poco diffuso in Italia, cioè

il Test rapido delle sostanze

è possibile identificare la presenza di Fentanyl nell’ eroina da strada,  come potete osservare nella foto a fianco, ovviamente si tratta di uno strumento colorimetrico qualitativo e non quantitativo,  per cui si raccomanda massima cautela  e di segnalare subito ad altri consumatori e alle Unità di Strada effetti avversi e dubbi sulla qualità delle sostanze, come sempre.
Il Lab57 sta cercando di diffondere al massimo sul tutto il territorio nazionale la pratica dell’analisi delle sostanze, nell’ ottica di avere presto un database unico coi dati delle intossicazioni gravi di sostanze , delle analisi dei sequestri polizieschi e delle analisi sul campo, in strada o durante eventi:
è da quasi 20 anni che lo ripetiamo, e non ci stancheremo finchè non succederà davvero, come in buona parte di Europa già esiste da decenni.

 …

mortacci... playmo ha messo un plugin per vedere le visite al nostro sito... impressionanti Visitatore Visita Oggi: 83 868 Ieri: 102 4.075 Last 7 Days (Week): 650 16.724 https://www.facebook.com/events/244572949234172/

Il neonato Collettivo Antipsichiatrico bolognese
vi invita a desinare a XM24 in occasione della proiezione del documentario Matti a Cottimo, nato dal progetto torinese sull’orgoglio matto.
Il ricavato della cena andrà in benefit al Collettivo (spese legali e mediche per persone che ritengono di aver subito abusi da parte della psichiatria).

A seguito della presentazione del documentario con due degli autori: dibattito antipsichiatrico.

Matti a cottimo – Strategie di sopravvivenza è sovrabbondante di parole, nessuna inutile, tutte a esprimere un ‘sè’ che non vuole essere ingabbiato ma soprattutto un ‘noi’ che vuole essere riconosciuto al di là degli schemi ristretti della ‘normalità’.
Tante voci ma due in particolare – di Simone Sandretti e Luca Atzori – a raccontare l’esigenza e l’esperienza sorte intorno al Mad Pride, movimento che rivendica l’orgoglio dei malati psichiatrici e un loro ruolo costruttivo nella società.”

Trailer: https://vimeo.com/121786998

13173471_1103985909644718_4881051605678594376_o
TORINO MAD PRIDE 2016

Sabato 11 giugno 2016

MANIFESTAZIONE NAZIONALE

ore 14:00 RITROVO

P.zza Carlo Felice (Porta Nuova FS)

ore 15:00 PARTENZA

Percorso del corteo:

C.so Vittorio Emanuele II – Via Nizza – Via Galliari – P.zza Madama Cristina – Via Madama Cristina – C.so Marconi – C.so Massimo D’Azeglio – Parco del Valentino

Quest’anno la manifestazione dell’orgoglio matto si concentra sulla tematica scottante dell’UTENTE ESPERTO. Cos’è l’UTENTE ESPERTO?

Si tratta di un’idea rivoluzionaria e controversa: ovvero che gli utenti della salute mentale possano, così come è successo per gli utenti delle tossicodipendenze, diventare operatori del loro settore e quindi farsi mediatori ta la psichiatria e i matti. L’esperienza del dolore che i matti conoscono, li rende portatori di un bagaglio emotivo irriproducibile.

ANDREBBE FINALMENTE ISTITUITO.

http://madpridesito.jimdo.com/
Segui l’evento su FACEBOOK

 …

12705160_1005614049509929_8528136437969079275_n

https://www.facebook.com/events/497438180408643/
Benvenuti alla quinta edizione del nostro evento Full Moon!!

Dopo la prima ed indimenticabile edizione del 2002 che ha visto la partecipazione di oltre mille persone e dopo le successive edizioni del 2010, 2011 e 2012 in forma più privata, abbiamo deciso di proporre nuovamente questa esperienza ripensandola nella forma e nella struttura. Una nuova concezione e un nuovo progetto che permetterà di rivivere le emozioni che ci vengono donate dalla Luna e dalla musica che, attraverso l’ascolto e il ballo, ci faranno riscoprire le antiche sensazioni che da millenni accompagnano l’uomo nella sua evoluzione fisica e spirituale.
THE SUNSHINE IN THE NIGHT si trasforma in un evento dove arte, natura e cultura si intrecciano per donarci un’esperienza unica ed indimenticabile.
Cucina vegana, vegetariana e del territorio. Pratiche Yoga, di massaggio e tanto altro. Sarà questa un’occasione per ognuno di noi di sentirsi parte integrante dello spazio in cui vive, del Mondo e della Natura che saranno visti e vissuti come porzione reale di noi stessi e di tutto quello che ci circonda.
Celebriamo assieme la luna piena, con amore e serenità, a contatto con la Natura! ♥

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

20.21.22 Maggio 2016
————————–—-
SUNSHINE STAGE:
————————–—-
La musica intesa come “mezzo” per poter aiutare ognuno di noi ad entrare in contatto con l’ambiente circostante.
Musica Ambient, Chillout e Tribal ci introdurranno in questa esperienza ed andranno a crescere arrivando a sonorità Psychedelic & Trance, che coincideranno con il massimo splendore della Luna.

Full-Moon music by:

ANX
CHECHILL
CLOV
DARIO
FETISH
ITAKAM
JIMMY9
KORA
MAIKI
NOE
SHIRA
SIR
SUPERNATURAL
VOID CONTROLLER
YONAS
ZENO

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

INFO:
– Acqua potabile GRATUITA donataci direttamente da una fonte naturale!
– yoga & meditation
– natural point
– bar e restaurant
– visuals
– decorations
– free camping
– wc

>>>> Il Lab57 – Alchemica sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, etc…!!!! <<<<<


POCHE E SEMPLICI REGOLE:
– vietato l’ingresso ai cani
– vietato accendere fuochi
– vietato sporcare
– lascia l’ambiente così come l’hai trovato

LOCATION:
follow the moon…

INFO-MAIL:
velenotm@hotmail.com

INFO-WEB:
www.soundcloud.com/velenomusic

 

 …

Million Marijuana March

loca_andina_-_3210

Fine del Mondo Proibizionista

Cerca