https://xmole.noblogs.org/venerdi-25-maggio/

https://www.facebook.com/events/1767207100012536

OLÉ – Oltre l’editoria

Il festival è una tre giorni di auto produzioni, editoria indipendente, workshop, mostre, incontri e musica.
https://xmole.noblogs.org/

→ MOSTRE e MERCATI aperti TUTTO il giorno TUTTI i giorni.
→ LABORATORI SABATO E DOMENICA pomeriggio a breve info.

*******************************

// VENERDì 25 MAGGIO //
apertura ore 17.00

Progetto Stigma – ore 18.30 palco grande
(con e a cura di Akab e Marco Galli)

Da G.I.U.D.A edizioni a Cartographic. -ore 19.30 palco grande
come l’esperienza di frontiera si tramuta in una nuova collana di fumetti per disegnare la Geografia.

Ore 20.00
Cena PIZZATA Antiproibizionista Benefit Lab57

Tavola rotonda – ore 20.30 palco grande
Panoramica del fuori luogo editoriale.
Partendo dalle realtà di Giuda e Stigma tratteremo le scelte originali che le hanno caratterizzate e continuano a farlo.

Proiezione Documentario su Crack! 2017 – ore 21.30 palco grande
Con l’autrice Manuela Costa e Valerio Bindi.
Il documentario è: Crack! Crack(land) | Enter the Rabid (W)hole, realizzato scorso giugno (2017) sul materiale raccolto per lo più durante l’edizione del trentennale del Forte.

ore 21 sala Bunker – Osteria
Piccolo Incontro con PROIEZIONE dei 2 NUOVI EPISODI DE
“IL MANUALE DEL TEKNUSO” –
Quattro cortometraggi narranti una serie di circostanze che potrebbero capitare a chiunque frequenti un Free Party e/o T.A.Z
attraverso considerazioni e consigli su tematiche importanti.
con Lab57 – Laboratorio Antiproibizionista Bologna
http://lab57.indivia.net/
e JUNGLE RIOT – https://soundcloud.com/jungleriots

MUSICA
Sala grande

Guenter Råler – Akira 2000 Anima Rave – PRODUCER;DJ; SOUND DESIGN;VISUALS SADCORE P0ETIC – ART EXTREMISM  https://soundcloud.com/guenterraler

Nicolas Gaunin – Nicolas Gaunin is the solo project of Nicola Sanguin (1988), music-composer already member in bands as Lay Llamas (Rocket Recordings, UK), Orange Car Crash (Was Ist Das, USA) and the musical collective The Beautiful Bunker. The project mixes polyrhythmic lines of percussions samples, a few simple modal melodies and exotic soundscapes, all played with a set of toy/low-fi electronic instruments. The goal is to mash up musical suggestions from different cultures into a chilling repetitive cosmic sound. – https://soundcloud.com/nicolas-gaunin

Fili Balou – Mystic rhythms for mystic people – https://soundcloud.com/ten-steps-to-heaven

Flavio Deff – Grande appassionato di musica a 360° fin da piccolo, fortemente influenzato dalla Club Culture fine anni 90, all’ età di vent’anni frequenta l’underground bolognese dove approfondisce il suo interesse per la musica elettronica di nicchia. Il suo universo sonoro parte dalla Deep House passando per la BreakBeat e l’ Electro fino ad arrivare alla Techno. Esplorando questi territori musicali, nei suoi DJ Set crea un viaggio coinvolgente caratterizzato da sfumature acid, dub e Lo-fi. Nel 2015 fonda il progetto Electronic Waves e attualmente è fondatore e resident DJ dei progetti neonati “Tephra Show” e “All Nait Long” in onda due volte al mese su OCRW web Radio (www.ohcristo.com). –https://soundcloud.com/flaviodeff

Sala Bunker

Jungle Riots
Piro

– Jungle Riots è un progetto che sperimenta le potenzialità della musica elettronica in contesto live.
Grooves originariamente pensati sulle macchine, dalla jungle alla drum&bass passando per le nuove tendenze dustep e minimal, sono trasportati nel contesto live con attitudine all’improvvisazione di tradizione più jazzy grazie alla formazione ibrida tra il sintetico e l’elettroacustico. – https://soundcloud.com/jungleriots

>>  Il Lab57 sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, analisi sostanze <<

OLÉ – Oltre l’editoria  festival è una tre giorni di auto produzioni, editoria indipendente, workshop, mostre, incontri e musica; per vedere il programma del 26 e 27 vai al sito di Olè!!
https://xmole.noblogs.org/

 …

http://www.labolla.info/

Una bolla di libertà in un mare di merda

Abbiamo deciso di non usare più i social network, Fuckbook per primo.

Supporta la Bolla, diffondi le info: Il tuo contributo è fondamentale!

Per ricevere info e aggiornamenti sulle nostre iniziative iscriviti alla newsletter scrivendo all’indirizzo:

labolla@canaglie.org

con oggetto ISCRIVIMI

>>  Il Lab57 sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, analisi sostanze <<

 

https://www.facebook.com/events/717350585321286/

https://switchtheinputs.org

c.s.a. Kavarna
Via Corte 11 / Via Maffino Maffi 2A
(Cascinetto) – Cremona

 

Pyramid Head & SabotaZ Crew in collaborazione con lo Spazio Autogestito Kavarna presentano:

SWITCH THE INPUTS #4
Underground Network Happening!

Eccoci con il quarto happening per cercare di mettere a fuoco il “Media-Evo” della comunicazione sociale e la progressiva perdita del senso di una realtà sempre più osservata, manipolata e filtrata da dispositivi digitali, gli stessi dispositivi che molto spesso vengono mal interpretati e diventano barriere insormontabili che bloccano la crescita del individuo verso la conoscenza e lo rinchiudono in ruoli prestabiliti al interno della società. Tecnologia come forma di controllo del pensiero, del corpo e del desiderio, e anche tecnologia che omologa le identità tramite il gioco del compiacimento sociale, meccanismo dietro al quale si celano subdole finalità di mercato. Raramente troviamo nel mondo dei media persone che si oppongono a questo meccanismo in modo consapevole…
Attraverso diverse attività cercheremo di dare il nostro punto di vista in merito, offrendo spazio a tutte le forme di cultura che si opponga alla visione della realtà normalmente accettata.

https://switchtheinputs.org

________________________________________________________

VENERDI 8 Giugno
h 18
*** aperitivo con musica
*** inizio live painting by Disegni Matti & OX Crew
***esposizione mostra by Kavernicol*

h 20:30 | Workshop a cura del Collettivo Tracciabi.li:
*** WarmUp HackMeeting
– Il caso Cambridge Analytica, la campagna elettorale non sarà
più la stessa
– Back to P2P (RetroShare)

h 23 ! concerti con
*** Dude Stalker (Electro HorrorPunk Live)
https://soundcloud.com/dudestalker
***ADR (Bergamo HC)

SABATO 9 Giugno
h 15 | Torneo di basket 3 VS 3

h 18 | Aperitivo musicale..

h 22 | Performances:
***Body Suspension con Bloody Circus
*** Witcherie con Elz Ebub & NikoBio
***Spettacolo di tessuti e cerchio con giocolieri

h 24 | DJ & Live Set
*** Dade_Blame Society (DJ Set)
https://soundcloud.com/diesirae
***ETK_Riot Music Sound (DJ Set)
***Funky Builder_The Beat Pusherz Crew (DJ Set)
https://soundcloud.com/funkybuilder
***Lele_Brutal Toys (Live Set)
https://soundcloud.com/lele-brutal-toys
***Orgonauth_Pyramid Head (Live Set)
https://soundcloud.com/orgonauth
***Orz_Kernel Panik (DJ Set)
https://soundcloud.com/djorzkernelpanik
***SabotaZ Crew (Live Set)
https://soundcloud.com/sabotaz-crew/tracks
____________________________________________________

 

:: VISUAL ARTS BY HYPERSPEED HALLUCINATIONS – MICRO PROJECT HILL – KOBACHI – VISUAL ATTITUDE ::
____________________________________________________

:: LIGHT SHOW BY FREAKY BOY_UNCONTROLLED BEAT ::
____________________________________________________

:: INSTALLAZIONI BY CONTATTO MECCANO ::
____________________________________________________

:: SOUND SYSTEM & LIGHTS POWERED BY SABOTAZ CREW & friends… ::
____________________________________________________

:: GIOCOLIERI, BANCARELLE D’AUTOPRODUZIONI E DISTRO SONO INVITATI…SCRIVETECI!!! ::
____________________________________________________

:: FREE CAMPING – PORTA LA TENDA! ::
____________________________________________________

:: NO NAZI/FASCI – NO SBIRRI – NO INFAMI – NO SESSISTI ::

 …


https://www.facebook.com/events/462471367516931/

Sabato 9 giugno 2018
Troublemakers full crew djs & live
Newspecies : MNT – Dave Blackqirex : vinyls set

TEKNO TRIBE MENTAL ACID JUNGLE
PARTY PARTY PARTY PARTY

visual : BrainFrog

>>  Il Lab57 sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, analisi sostanze <<

ingresso 5 euro
dalle 23 alle 7

RISPETTO

Lazzeretto Autogestito
via Pietro fiorini 14
BOLOGNA

DANCE WITH THE MONSTERS
Blackqirex Records stand – Vinyls + T-shirts + Posters

SEGUE AFTER
info al mattino 🙂…

https://www.facebook.com/MMMItalia/

giornatamondiale@millionmarijuanamarch.info
NELLO STESSO GIORNO A ROMA E IN ALTRE 420 CITTA’ NEL MONDO PER ESIGERE:
1) LA FINE DELLE PERSECUZIONI PER I CONSUMATORI.
2) ACCESSO IMMEDIATO
ALL’USO TERAPEUTICO PER I PAZIENTI.
3)DIRITTO A COLTIVARE LIBERAMENTE LA CANNABIS, PATRIMONIO DELL’UMANITA’.
Diffondiamo questo messaggio da parte degli organizzatori di questa importantissima manifestazione antiproibizionista storica, arrivata alla 18a edizione!!
https://www.facebook.com/MMMItalia/posts/1770229193016391:0Siamo stati in Questura centrale a Roma il 26 Aprile per chiedere la piazza della nostra manifestazione per fine Giugno e abbiamo verificato assieme a loro che non vi erano richieste in contrasto con la nostra per sabato 23 o per sabato trenta, mentre ci hanno detto che invece sabato 9 Giugno ci sarà il Roma Pride e sabato 16 Giugno vi è in programma la Roma Maratona e quindi ( ovviamente) non si poteva, visto che parte del percorso coincide. Ci dissero di tornare il 7 Maggio, tanto mancavano ancora due mesi e non c’era fretta. Il 7 Maggio e l’8 Maggio ci hanno rimandato telefonicamente ad oggi nove Maggio. Oggi abbiamo chiesto nuovamente la data del trenta Giugno e ci hanno fatto un sacco di problemi, addirittura vorrebbero un numero limitato di carri e di conseguenza quindi anche di gruppi e partecipanti. Dicono che per richiedere la autorizzazione per il trenta Giugno dovremmo tornare non prima di un mese dalla data richiesta, ossia il trenta maggio e non è mai successo prima. Ma come mai allora il 26 Aprile sapevano già che sabato 9 Giugno ci sarà il Roma Pride e il 16 Giugno la Maratona ed erano state entrambi già autorizzate ? Eppure mancava ancora molto più di un mese. Ma ci vorrebbero fare credere che ora le manifestazioni si comunicano trenta giorni prima della data e non prima? Allora ci chiediamo se questa norma vale per tutti o è stata inventata solo per noi? Quindi anche per il primo Maggio a San Giovanni la piazza sarebbe stata concessa alla CGIL su richiesta protocollata non più di trenta giorni prima, ossia non prima del primo Aprile 2018? È noto a chiunque che per organizzare grandi manifestazioni occorre tempo e tentare di limitare la nostra possibilità di diffondere la data non prima di trenta giorni dalla nostra manifestazione equivale al tentare di LIMITARE IL NOSTRO DIRITTO A MANIFESTARE SANCITO DALLA COSTITUZIONE. Non è accettabile questo atteggiamento discriminatorio nei nostri confronti. Un diritto come quello sancito dalla Costituzione di manifestare liberamente le proprie opinioni o vale oer chiunque ed è quindi un diritto o, e se vale solo per alcuni e altri no, non è un diritto ma un privilegio per coloro ai quali viene riconosciuto e una discriminazione per coloro ai quali viene negato. La Questura di Roma, come qualsiasi Questura delle Repubblica Italiana nata dalla resistenza, non deve e non può fare politica o operare discriminazioni frutto delle idee politiche dei propri dirigenti. Costiro non sono pagati per questo con denaro pubblico ma per garantire la applicazione delle leggi, al di la delle personali idee politiche, senza penalizzare gli avversari politici, la Polizia di Stato non può e non deve fare politica, ma garantire il libero e pacifico manifestare delle opinioni politiche dei cittadini.
Costoro debbono capire che hanno un mandato per gestire dei servizi al servizio della cittadinanza nella applicazione della legge che vale per chiunque, perfino per loro. Non hanno in gestione un potere da usare in maniera discriminatoria che gli permette di favorire alcuni e discriminare altri. Stiamo sentento avvocati e costituzionalisti in queste ore, a breve faremo un comunicato ufficiale che uscira nei prossimi giorni appena avremo chiaro come proseguire. Ciò che è a noi evidente è che la democrazia in questo paese va difesa ogni giorno e noi non chineremo mai la testa. Questi tentativi non fanno altro che convincerci ancora di più di quanto sia necessario il nostro agire. Dietro le quinte è sempre la mafia a gestire le file, sono loro che hanno eletto una fetta dei nostri politici e evidentemente, le nostre istanze di liberazione, il nostro reclamare la fine del proibizionismo dà molto fastidio ad alcuni, per questo dopo18 anni non abbiamo abbandonato questa battaglia e mai la abbaneremo fino alla fine del proibizionismo.
Segue Comunicato ufficiale, abbiamo intenzione di difendere la Costituzione e il diritto di manifestare che oggi tentano di negare a noi, ma in futuro, se passasse questo principio, potrebbe colpire chiunque.Invitiamo tutte e tutti a diffondere ovunque questo post e il nostro imminente comunicato.

Million Marijuana March Italia

https://www.facebook.com/events/250269915545660/

Dalle 17.00
————————–—————–
MERCATINO CONTADINO BIOLOGICO
CampiAperti – Genuino Clandestino
https://www.facebook.com/CampiAperti/
————————–—————–

Dalle 20.00
CENA di AUTOFINANZIAMENTO per Olè Festival – Oltre l’editoria, offerta da Olè, ovviamente.

PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA DI Silvia Priska Benedetti:
“SCOPERTA LA VITA”
Fotografie riportate in xilografia su linoleum di prove di vita scoperta sugli 8 pianeti del sistema solare, piante velenose e misteriose nascoste fin’ora, dalle proprietà ancora inesplorate.

Dalle 20.30
PRESENTAZIONE E DIBATTITO DI “ONCE WERE RAVERS”
con l’autore PABLITO EL DRITO
a cura di Lab57 – Laboratorio Antiproibizionista Bologna
http://lab57.indivia.net/
Cronache da un vortice esistenziale
Da raver idealista a pusher. Un’avventura on the road, costellata da visioni lisergiche, episodi esilaranti e travagli introspettivi. http://www.agenziax.it/once-were-ravers/

Flyer di Silvia Priska Benedetti

LIVE DALLE 21.00
in collaborazione con il collettivo “BOLOGNA PUNX”:

Ferum – Doom/Death (Bologna-Modena)

PISCIOSANGUE – Punk Hardcore (Firenze)

Fierce⊙ – Post Metal / Post Hardcore (Trieste-Padova-Venezia)

Sarà presente un punto informativo del Lab57-Alchemica
http://lab57.indivia.net/chi-siamo/presentazione-breve-del-progetto/

//xmole.noblogs.org/
//lab57.indivia.net/
//www.ecn.org/xm24/

 …




https://www.facebook.com/events/225450088221547/
www.osservatorioantipro.org

CANAPISA STREETPARADE 2018
SABATO 19 MAGGIO torna il carnevale antiproibizionista che da 18 anni inonda la città di Pisa con musica, gioia e giusta informazione

Partenza ore 16 da Piazza Sant’Antonio (Pisa)

 

Osservatorio Antiprobizionista-Canapisa crew
www.osservatorioantipro.org
canapisa@inventati.org

CANAPISA 2018
FINO ALLA FINE DEL MONDO PROIBIZIONISTA
Il proibizionismo è una scelta politica, un approccio ideologico, costoso e devastante, imposto a
livello globale dalle convenzioni dell’ONU, i cui nefasti effetti non ricadono solo sui consumatori
di sostanze ma sull’intera collettività.
Un “mondo senza droga” è pura utopia, la “guerra alla droga” un fallimento, il proibizionismo un
serial killer che, quando non uccide, limita le libertà personali, stravolgendo, in tutto il mondo, le
vite di intere comunità.
Il proibizionismo ha fallito persino nel principale obiettivo che si era prefissato: ridurre la
disponibilità e il consumo di sostanze ritenute illecite. Allo stesso tempo ha alimentato le tasche e il
potere di organizzazioni criminali e mafiose, e ha normalizzato, per la gioia delle multinazionali che
li vendono, l’uso di psicofarmaci non meno dannosi delle sostanze vietate, a partire dalla cannabis i
cui benefici sono di fatto negati persino ai pazienti cui spetterebbe di diritto.
L’unico evidente risultato raggiunto dalle politiche proibizioniste sono le decine di milioni di
persone che hanno riempito le carceri o sono state condannate a morte per droga (280 giustiziati
soltanto nel 2017), distruggendo così vite e intere famiglie.
Il proibizionismo è la principale causa di carcerazione nel pianeta, provoca il sovraffollamento dei
penitenziari con trattamenti disumani e vittime, imponenti blitz nelle scuole e nelle stazioni spesso
solo per qualche spinello, perdita del lavoro e della patente, suicidi e stigmatizzazione.
In Italia, il 43% dei detenuti è in carcere per violazione della legge sulle droghe, di cui il 79% per
cannabis, pianta che ricordiamo non ha mai ucciso nessuno, i cui benefici sono ormai riconosciuti
dalla comunità scientifica a livello mondiale. Nel 2016 sono aumentate del 17% anche le
segnalazioni amministrative con un vergognoso picco del +237% per i minorenni, chiaro tentativo
di uniformare e conformare gli stili di vita.
Le grandi contraddizioni del proibizionismo sono sotto gli occhi di tutti: si tollera e si concedono
deroghe per l’emissione nell’ambiente di sostanze inquinanti e velenose per esseri umani, animali e
vegetali, mentre c’è tolleranza zero per le persone che, con una scelta libera e individuale, usano
sostanze su loro stesse, venendo invece classificate come malati e criminali.
Dopo oltre mezzo secolo di scempi è arrivata l’ora di invertire la rotta. Come? Partendo da una
corretta informazione e dalla diffusione di buone pratiche, riducendo i rischi del consumo edepenalizzando il possesso il sostanze, mettendo così fine alla repressione, a favore del rispetto dei
diritti umani e individuali
Nei Paesi produttori, ostaggio di guerre e narcomafie, vanno poi adottati modelli alternativi, nel
rispetto delle culture e tradizioni dei popoli, dei loro diritti, della loro economia. In altre parole,
vanno cancellate le attuali politiche e strategie sulla droga, orientate dall’ideologia e dalla
convenienza politica, a favore di scelte pragmatiche e responsabili, basate sulla scienza, sulla salute,
sulla sicurezza e sui diritti umani
In tutto il mondo, infatti, diversi Stati hanno già intrapreso percorsi di depenalizzazione,
regolamentazione o legalizzazione del consumo di sostanze, sulla spinta di un numero sempre
maggiore di persone e organizzazioni, che chiedono a gran voce un cambio di paradigma a livello
globale
In Italia, il proibizionismo è nato nel periodo fascista ed è stato rilanciato dalla legge Jervolino-
Vassalli, resuscitata dopo l’incostituzionalità della norma più repressiva d’Europa, la Fini-
Giovanardi, che ha inciso sulle nostre vite per ben 8 anni.
Per contrastare questo braccio repressivo di decisioni calate dall’alto, nel 2012 è nata dal basso la
Rete Nazionale Antiproibizionista “La fine del mondo proibizionista”, frutto della precedente
esperienza del MDMA (Movimento di Massa Antiproibizionista). Ne è parte attiva anche
l’Osservatorio antiproibizionista-Canapisa crew, che organizza diversi momenti d’incontro,
approfondimento e discussione su questi temi, da 18 anni in piazza con la street parade Canapisa.
Anche quest’anno invaderemo in massa le strade della città, gioiosamente e a suon di musica per
rivendicare i diritti, nostri e di milioni di persone, finché la rotta non sarà invertita.
E continueremo a farlo, fino alla fine del mondo proibizionista.

CANAPISA STREETPARADE
SABATO 19 MAGGIO 2018
ORE 16 PIAZZA SANT’ANTONIO – PISA
CANAPISA,
MANIFESTAZIONE NAZIONALE ANTIPROIBIZIONISTA,
È ANTIPSICHIATRICA, ANTIFASCISTA, ANTISESSISTA E ANTIRAZZISTA

INFO STREET

Canapisa è una manifestazione politica antiproibizionista, che fa scendere in strada il dissenso attraverso la musica e varie espressioni artistiche. Una chiara e forte critica all’attuale regime
proibizionista, che massimizza i danni, personali e sociali, aumentando invece i profitti di
narcomafie e case farmaceutiche. Un tema scottante e di interesse collettivo, sul quale bisogna
abbandonare l’approccio ideologico a favore di politiche pragmatiche, per creare una cultura del
consumo critico e consapevole. L’inversione di rotta passa per la depenalizzazione del possesso e
dell’uso di sostanze, per l’autoproduzione e per la diffusione di politiche e pratiche di riduzione del
danno e del rischio.

Chiediamo quindi a tutt* di manifestare gioiosamente e festosamente, nel rispetto di alcune regole fondamentali:

– Solo i furgoni concordati in assemblea potranno partecipare alla street e accedere all’area di arrivo
(per gli stand del mercatino, che ci hanno contattato all’indirizzo canapisa@inventati.org
comunicando anche il numero di targa, l’appuntamento all’area dell’arrivo è alle ore 14)

– No vetro – no business – no pushers – no fasci
– Aiutaci a tenere pulita la strada, utilizza i cestini della spazzatura!
– L‘acqua sarà distribuita gratuitamente da ogni furgone
– Riduci il danno !!!… evita di bere superalcolici o fare mix pericolosi !!!
– Lungo il percorso della street saranno presenti 2 SERVIZI DI RIDUZIONE DEL DANNO, con
OPERATORI E MEDICI ai quali rivolgersi per eventuali malori o info

Segnatevi tutti questo numero: 3484987311 (in caso di malori chiamatelo !!!)
– Lasciate i cani a casa… stanno meglio lì !!! Ma se non avete alternative, occupatevi di loro,
FATELI BERE e TENETELI LONTANO DAL CAOS!
– La manifestazione terminerà alle ore 24: chiediamo di rispettare l’orario concordato e collaborare
nel liberare e ripulire l’area di arrivo

Canapisa è una manifestazione antifascista, antisessista e antirazzista!!!

PARTECIPA IN MODO CONSAPEVOLE: RISPETTA TE STESSO, GLI ALTRI, LA
CITTÀ E CIÒ CHE TI CIRCONDA, DIFENDI I TUOI DIRITTI E TIENI LONTANO CHI
NON RISPETTA TUTTI QUESTI PRINCIPI, SFRUTTANDO LA SITUAZIONE E
METTENDO A RISCHIO LA STREET !!!

COME ARRIVARE:
Meglio un treno o un mezzo pubblico, partiamo da una piazza a pochi metri dalla stazione !
Se venite in auto o in camper, è bene sapere che nell’area dell’arrivo possono accedere solo i
mezzi che partecipano alla street !
Per ripartire, l’ultimo treno per Firenze è alle 1:12, per Roma alle 1:38, per Milano e Torino alle
4:25
Non mettetevi alla guida in nottata, prima riposatevi !!!

PERCORSO
Concentramento ore 16 p.zza San’Antonio – viale Bonaini – Piazza Guerrazzi – via Sangallo –
Lungarno Fibonacci – Ponte dellaFortezza – Lungarno Buozzi – via del Borghetto – via Luschi – via
Gioberti – via Garibaldi – via Canavari (di fianco al carcere Don Bosco)
L’arrivo è previsto attorno alle ore 20 in un parco di fianco al carcere Don Bosco

Saremo lì per far sentire il nostro sostegno ai detenuti e alle vittime di queste leggi infami, ricordando a tutt* che è nostro interesse rispettare le esigenze dei reclusi.
Per questo vi
chiediamo di non creare tensioni che potrebbero avere conseguenze all’interno del carcere!
Al
nostro arrivo cercheremo di lanciare un forte messaggio a tutt* i detenut* e spegneremo la musica, solo per qualche minuto.

FACCIAMO SENTIRE FORTE LA NOSTRA VOCE !!!
PORTIAMO SOLIDARIETÀ ALLE VITTIME DEL PROIBIZIONISMO !!!

Per adesioni e maggiori informazioni:
www.osservatorioantipro.org
canapisa@inventati.org

>>  Il Lab57 sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, analisi sostanze <<

 …

https://boccaccio.noblogs.org/post/2018/03/20/vinyl-resistance-festival-2/

https://www.facebook.com/events/179121076037540/


VINYL RESISTANCE FESTIVAL

Electronic underground labels meeting
——————————————–
VENERDI 11 MAGGIO

Dalle ore 20

APERTURA STAND VINILI
per chi vuole cenare,
cibo vegan e pizza col forno a legna

Dalle ore 21

DISCUSSIONE APERTA
sulla produzione e distribuzione del vinile
in maniera indipendente, con :
Anna Bolena, Dan Hekate, Hyena, D. Blackqirex
a seguire i live
DAN HEKATE ( HEKATE / PRAXIS )
ANNA BOLENA ( IDROSCALO DISCHI )
CYBELE ( HEKATE / REXISTENZ )
HYENA ( REXISTENZ )
A034 ( REXISTENZ / SFORZESCO )
METHACKUS ( 2ND Ground )
———————————————
SABATO 12 MAGGIO

Dalle ore 15

APERTURA AREA STAND VINILI
cibo vegan e pizza forno colforno legna

Ore 16

WORKSHOP “Fondamenti di SINTESI”
fondamenti di sintesi
verranno introdotti tutti i concetti fondamentali per iniziare ad utilizzare consapevolmente i sintetizzatori.
i concetti di base verranno introdotti utilizzando un software modulare, gratuito, open-source e multipiattaforma (mac,win,linux): VCV RAC
Verranno in seguito forniti esempi di applicazioni pratiche con altri sintetizzatori in ambiente ableton live
si raccomanda di portare il proprio laptop e le proprie cuffie e di provvedere all’installazione di VCV rack e dei moduli di base
per poter così seguire il workshop mettendo subito in pratica le idee discusse
, a cura di HYENA (REXISTENZ)

Ore 17

INCONTRO/WORKSHOP “Power To The Underground”
Essere artisti o etichette indipendenti significa innanzitutto conoscere il funzionamento del mercato industriale, capirne le dinamiche e i pericoli, e poi produrre, distribuire e agire fuori dalle logiche mainstream.
CTRL e Analogic Density presentano un workshop/dibattito dedicato a chi vuole vivere di musica: una prima parte di carattere generale introdurrà la storia e le evoluzioni del mercato musicale, mentre la seconda entrerà nel dettaglio degli step necessari ad una corretta distribuzione della musica.
prima parte
1) breve storia del mercato musicale
2) i contratti discografici
4) Streaming vs Major Labels
5) A.I. e il futuro del mercato
seconda parte
1) iter messa in stampa di una release
1.1) linee guida per la compilazione di una liberatoria
2) richiesta licenza siae/bollini
3) moduli drm e label copy
4) costo medio bollini con autori non iscritti siae o con autori iscritti
5) arrivo/ritiro bollini + licenza e relativi riconoscimenti delle tracce come da label copy, a cura di CTRL / ANALOGIC DENSITY

Ore 18

PRESENTAZIOINE E ASCOLTO ULTIME USCITE di
BLACKQIREX REC, ROBOTIK REC, TROPICAL GIPSY REC
BRUTAL TOYS REC, FUNK REBELS REC

ore 21

Inizio dei djset e live
su due stage
suoneranno i rappresentanti delle labels partecipanti

BLACKQIREX
TEKITEAZY ( SHOCKRAVER )
TOTAL RESISTANCE ( 4Q )
TROPYCAL GIPSY
ACID ANONIMOUS ( KEV )
HAZARD UNITZ
ROBOTIK
PURE ANALOG
OVNIVOR
ANALOGIC DENSITY
MELTING BASS
BRUTAL TOYS
BLAME SOCIETY
FUNK REBELS
TROUBLEMAKERS
ELEKTRO ORGANISM
CTRL
51BEATS
FUME
DOZZER
ZERO KONTROL

LA TIME LINE PIU’ DETTAGLIATA VERRA’ PUBBLICATA APPENA POSSIBILE 🙂
…………………………………………………………………………………………..

Dalla serata di Sabato 12

>>  Il Lab57 sarà presente con la postazione chill-out , info point SOStanze, Primo Soccorso, etc…<<

DURANTE TUTTA LA DURATA DEL FESTIVAL
CI SARA’ CIBO VEGAN, PIZZA COL FORNO A LEGNA E BIRRA A FIUMI…
VI CONSIGLIAMO DI VENIRE PRESTO E PARTECIPARE ALLE INIZIATIVE CHE SONO MOLTO INTERESSANTI E UTILI.

🙂

INGRESSO A SOTTOSCRIZIONE…

Sabato 12 Maggio
dalle ore 17.00
Spazio Pubblico Autogestito Xm24
Via Fioravanti 24, Bologna
https://www.facebook.com/events/1984718711844863/

Convivio

Durante l’incontro verranno presentati, con la presenza degli autori:

Proiezione di :

“Où passa Lapassade”, 2018, 70′,
Elzéard Image, Société Internationale d’Ethnographie
(Traduzione in italiano di Salvatore Panu, montaggio sottotitoli di Davide Montecchi)

Film di Luc Blanchard e Rose-Marie Bouvet, membri dell’associazione di ricerca francese SIE in collaborazione con Patrick Boumard (Università di Brest).
Saranno presenti Patrick Boumard e Rose-Marie Bouvet.

Il docufilm su Georges Lapassade è stato realizzato nel 2017 seguendolo nei suoi spostamenti tra la Francia, l’Italia ed il Marocco, luoghi che avevano costituito il fertile terreno per lo sviluppo del suo pensiero, ed incontrando le persone che hanno collaborato con lui e che hanno avuto modo di far parte del suo percorso di vita.

Presentazione in anteprima di:

“Psychosocianalyse d’un nœud d’interites, Sur les traces de Georges Lapassade et Pietro Fumarola”.
Libro scritto qualche mese fa da Remi Hess (Università Paris 8) per questa occasione di prossima pubblicazione in italiano per Sensibili alle Foglie.

Hanno annunciato la loro partecipazione:

Patrick Boumard (Università di Brest, Société Européenne d’Ethnographie de l’Education)
Rose-Marie Bouvet (Regista del film-documentario, Brest)
Remi Hess (Autore del libro, Università Paris 8)
Lucette Colin, Charlotte Hess, Louise Paltrinieri, Valentin Schapelynck, Jacky Lafortune,
Giusi Lumare (Università Paris 8)
Renato Curcio (Sensibili alle Foglie, Roma),
Roberto De Angelis (Università La Sapienza, Roma), Luigi De Franco (Antropologo, Roma)
Leonardo Montecchi (Scuola di Prevenzione J. Bleger, psichiatra e psicoterapeuta, Rimini)
Gianni De Giuli, Roberto Panzacchi e Raffaele Ranni (Formatori, Bologna)
Massimo Lorenzani Lab57 – Alchemica (Laboratorio Antiproibizionista Bologna – 20 anni)
Rosario Picciolo, Rosella Chirizzi (Livello 57, Bologna),
Avv. Elia De Caro – Antigone Emilia Romagna . (Livello 57),
Sandra De Giuli (Regista-documentarista, Bologna)
Noemi Bermani – Atelierista e Giovanna Artale – Musicoterapeuta (cofondatrici del Telefono Viola, Bologna)
Franco Berardi “Bifo” (Libero pensatore, Bologna),
Daniele Gasparinetti (Damsterdamned, Link-Project, Xing, Bologna)

Salvatore Panu (Promotore dell’iniziativa insieme al LAB57, all’XM24 e a tutti i partecipanti)

La partecipazione al convivio è libera, l’iniziativa è completamente gratuita e autofinanziata per cui se hai la possibilità di ospitare qualcuno dei convitati che verranno da fuori Bologna o di dare una mano nell’organizzazione della cucina o di portare qualcosa da bere e/o da mangiare insieme durante la serata del convivio, ve ne saremo grati.
Salvatore Panu, e-mail: torepanu@tiscali.it


Il 10 maggio sarebbe stato il compleanno di Georges Lapassade (1924-2008). Nella notte del 12 gennaio 2018 ci ha lasciato Piero Fumarola, sociologo dell’Università degli Studi di Lecce che ha accompagnato Georges in numerose ricerche sul campo. Fu proprio grazie a Piero che alcuni di noi conobbero Georges quando giravano nelle università italiane in transe occupate dal movimento della Pantera. Dieci anni fa organizzammo proprio all’XM24 un incontro simile che fu molto partecipato.

Che eredità ci hanno lasciato? L’idea è di trovare il tempo e il piacere di incontrarsi con un gruppo di persone che possono condividere le esperienze intense vissute con Georges Lapassade e Piero Fumarola. Oltre alle numerose pubblicazioni, i viaggi e gli interventi effettuati insieme, le loro esistenze tracciano una comunità eterogenea, diffusa dal Sud al Nord Italia, che può incontrarsi, scoprire e sviluppare profonde affinità elettive. Abbiamo un forte desiderio di riflettere insieme sulle pratiche e sul pensiero di Georges Lapassade e Piero Fumarola, dunque stiamo organizzando, con l’aiuto degli altri “bolognesi” che li hanno conosciuti, questo secondo convivio.

L’incontro vedrà quindi in prevalenza convitati e non un pubblico convegnistico classicamente inteso in maniera accademica. Chiunque voglia partecipare è invitato a contattarci. Non si tratta quindi di una commemorazione, se non nel senso stretto del ricordare insieme. Naturalmente l’invito si può estendere ad altre persone che voi conoscete e che pensate possano essere interessate vivamente a partecipare. Aspettiamo vostre proposte, contributi teorici, adesioni, collaborazioni pratiche all’organizzazione dell’iniziativa e per l’ospitalità dei convitati che verranno da fuori Bologna.

Per partecipare e dare contributi di qualsiasi genere all’iniziativa scrivere a:
Salvatore Panu, e-mail: torepanu@tiscali.it


Georges Lapassade (Arbus, 10 maggio 1924 – Stains, 30 luglio 2008), filosofo e sociologo francese che si occupò di psicosociologia, di etnologia, di pedagogia e di analisi delle istituzioni.
Fondò l’Analisi istituzionale e si interessò di pedagogia istituzionale, intese come discipline capaci di fare emergere l’inconscio dei gruppi nelle istituzioni proponendosi così di favorire un cambiamento generale nelle modalità relazionali esistenti al loro interno, aprendo dunque il campo alla dimensione politica: “Se l’uomo vuole essere soggetto, attore cosciente della sua storia deve analizzare le istituzioni dalle quali dipende, per analizzare le istituzioni che lo attraversano e trovare nell’azione di gruppo una via d’uscita all’atomizzazione burocratica della quale è vittima
Ma si occupò anche di pedagogia istituzionale, ovvero della trasmissione delle informazioni e della conoscenza, sfondo del processo educativo, all’interno delle istituzioni: contro una pedagogia definita autoritaria, in virtù della trasmissione unilaterale e forzata delle informazioni dall’alto in basso, propose il concetto di autogestione pedagogica, focalizzando l’attenzione sugli aspetti di azione contro i condizionamenti e, in definitiva, la violenza dei sistemi istituzionali (a questo proposito in particolar modo analizzò l’istituzione scolastica), sia sul piano della prassi didattica, sia sul piano, più in generale, dei rapporti sociali.
Nella seconda parte della vita si dedicò prevalentemente agli stati modificati di coscienza, interessandosi, nella sua lunga carriera di ricercatore, alle culture nordafricane e afroamericane, facendo particolare riferimento ai temi della dissociazione e della trance.
Celebre compagno di viaggio del Livello57, autore di “Dallo sciamano al raver. Saggio sulla transe ,(2008), soffriva d’insufficienza renale grave e quando veniva in Italia era sempre in dialisi ma voleva assolutamente partecipare alle fasi preparatorie della “STREET RAVE PARADE ANTIPROIBIZIONISTA”.
Nel docu-film “Siamo Fatti così”, 2003, prodotto da e Livello57 e M.D.M.A. – Movimento di Massa Antiproibizionista ,gli chiedemmo cosa fosse la riduzione del danno e lui rispose così:
…al minuto 6
https://www.youtube.com/watch?v=xk6K0jvOKtk

Fragments d’un maître

Petit essai sur l’inachèvement d’une relation pédagogique

http://georgeslapassade.blogspot.com/

SABATO 5 MAGGIO 2018
dalle ore 16
eXploit – Via Largo Pontecorvo, 2 – Pisa

L’Osservatorio antiproibizionista-Canapisa Crew invita tutte le realtà interessate a partecipare alla prossima Assemblea nazionale delle Rete Nazionale Antiproibizionista, stavolta in programma a Pisa, sabato 5 maggio dalle ore 16 al Polo didattico Porta Nuova (Via Padre Bruno Fedi)

Un “mondo senza droga” si è dimostrato essere pura utopia, la “guerra alla droga” un fallimento, il proibizionismo un serial killer che, quando non uccide, limita le libertà personali stravolgendo le vite di intere comunità

Dopo oltre mezzo secolo di politiche repressive sulla pelle dei consumatori, rivelatesi costose, inutili, fallimentari e senza alcun beneficio reale per l’intera società, è arrivata l’ora di invertire la rotta

Come? Partendo da una corretta informazione e dalla diffusione di buone pratiche, riducendo i rischi del consumo e depenalizzando il possesso di sostanze, mettendo così fine alla repressione, a favore del rispetto dei diritti umani e delle libertà individuali

L’Assemblea nazionale della Rete continua ad essere un momento di incontro e confronto, per condividere esperienze e pratiche, con l’obiettivo di determinare un cambiamento, cancellando ciò che non funziona, alla ricerca di alternative valide e pragmatiche

La Rete Nazionale Antiproibizionista nasce dal basso nel 2012, sulla base dell’esperienza delle precedenti Rete Mdma (Movimento di Massa Antiproibizionista) e Dipende da Noi, mettendo insieme collettivi, movimenti e associazioni, proprio con l’obiettivo di superare le attuali politiche proibizioniste e repressive.

 

COMUNICATO URGENTE
ASSEMBLEA NAZIONALE ANTIPROIBIZIONISTA
SABATO 5 MAGGIO ORE 16
eXploit ex-Aula Seminari Dipartimento di Matematica
Largo Bruno Pontecorvo, 2
Pisa

Come molti di voi sapranno, l’Osservatorio antiproibizionista – Canapisa Crew, ha convocato un’assemblea della Rete nazionale antiproibizionista, aperta a tutti gli interessati, per sabato 5 maggio presso il Polo didattico Porta Nuova dell’università di Pisa.

Alle 14:20 di venerdì 4, l’università ha comunicato, via mail agli studenti che da tempo avevano richiesto l’aula, l’indisponibilità del Rettore Prof. Paolo Maria Mancarella, a concederla per lo “svolgimento di una assemblea nazionale”.

Ci preme fare alcune considerazioni in merito a questa vicenda che crediamo essere solo l’ennesimo attacco alla nostra attività politica, mirato all’oscurantismo e alla non condivisione dei saperi, così come il proibizionismo globale tenta di fare sulle nostre vita da oltre mezzo secolo.

La prima valutazione riguarda la modalità e i tempi di comunicazione del divieto: ricevere una mail alle 14:20 di venerdì, cioè 10 minuti prima della chiusura degli uffici del rettorato fino al lunedì successivo, per noi significa solo spegnere sul nascere qualsiasi possibilità di confronto, imponendoci un diktat dall’alto dei palazzi del potere. I signori hanno così deciso e noi dovremmo sottostare a queste ingiustificate imposizioni.
In secondo luogo, ci sembra davvero vergognoso che proprio l’università, che dovrebbe essere luogo deputato alla trasmissione e alla condivisione dei saperi, neghi, ad un gruppo di studenti, la possibilità di concretizzare un momento di grande scambio di informazioni, quale sarebbe stata l’assemblea nazionale che vede il coinvolgimento di tante realtà provenienti da diverse città italiane che da anni si occupano di antiproibizionismo.
Ecco che anche in questo caso si rende esplicita la logica proibizionista che non solo vuole imporci determinati stili di vita ma vuole anche impedire la circolazione e la diffusione di alcune informazioni, proprio quelle troppo scomode per la classe politica e dirigente, così come per i baroni che popolano le università, due facce della stessa dispotica medaglia, in continua collusione tra loro pur di mantenere inalterati privilegi e status quo.

Ovviamente il tutto sulle spalle di chi, invece, vorrebbe rompere questo meccanismo anche attraverso iniziative all’interno dell’università, luogo pubblico, che se davvero mira ad una formazione di alto livello degli studenti, non può esimersi dall’apertura al confronto, al sapere e alle idee.

Per tutti questi motivi, non intendiamo affatto rinunciare allo svolgimento dell’assemblea nazionale antiproibizionista che, così come stabilito, si terrà a Pisa, sabato 5 maggio dalle ore 16, presso eXploit, aula studio occupata autogestita del dipartimento di matematica, vero luogo dove i saperi circolano, si incontrano e si contaminano.
L’università che vorremmo.

Osservatorio antipro – CanapisaCrew

 

 

Cerca
Archivio