Archivio Autore

Pubblichiamo l’intervento integrale del Lab57 a questo appuntamento di carattere nazionale per fare il punto sulla situazione odierna in Italia dopo oltre 20 anni di Analisi delle sostanze sul campo:

Lab57 – Bologna: 20 anni di Drug-Checking tra esperienza e innovazione


–> Scarica il Pdf!!
https://lab57.indivia.net/wp-content/uploads/Lab57-Drugchecking-Webinar-2020.pdf

Nuove linee guida per le persone che usano sostanze psicoattive scritte da:

Sono disponibili in diverse lingue, tra cui svedese, greco , portoghese, ed includono indicazioni specifiche: da come valutare alcuni sintomi dell’infezione, sino alle precauzioni generali anche per chi è, o intende assumere, terapia sostitutiva, C’è molto insomma nel nuovo documento nato su iniziativa di EuroNPUD ed INPUD che hanno chiesto la collaborazione delle diverse associazioni PUD delle varie nazioni.
Ora l’importante è farle circolare , con la speranza che chiunque le diffonda sottolinei che l’iniziativa nasce per far circolare competenze e fare riduzione del danno e prevenzione tra pari. Tutto quanto è riportato nel documento infatti nasce nel confronto tra persone che usano sostanze. Nel finale del documento la raccomandazione a promuovere autosostegno e supporto tra pari.
Qui trovate il file in Pdf per stampare e diffondere:
https://lab57.indivia.net/wp-content/uploads/COVID-19-EuroNPUD-ITALIAN-1.pdf

Inoltre è importante tenere presente le INTERAZIONI TRA FARMACI SOSTITUTIVI DEGLI OPPIACEI (METADONE, BUPRENORFINA, BENZODIAZEPINE, etc..) e i FARMACI per il COVID-19 (idrossiclorochina, azitromicina, lopinavir, ritonavir, etc..),
si veda questo articolo dal blog della SITD (Società Italiana Tossicodipendenze)
https://blog.sitd.it/2020/03/21/interazione-metadone-farmaci-covid-19/
e, più in generale, il sito http://www.covid19-druginteractions.org/ che presenta tutte le interazioni dei farmaci per il Covid-19, includendo anche gli altri antivirali e il tocilizumab. in continuo aggiornamento, ovviamente sono informazioni dedicate a Medici e infermieri,
NO FAI DA TE!!!

Per finire il Lab7 invita tuttx a visitare le pagine di

CHEMICAL SISTERS:
un collettivo transfemminista, antiproibizionista, antifascista e antirazzista
appena nato a Torino
https://www.facebook.com/chemicalsisters420/

Era il 6 agosto 2019 quando la ruspa democratica del PD bolognese abbatteva le mura di XM24 mettendo fine a un’esperienza di autogestione comunitaria dal basso lunga diciassette anni.
Lo sgombero era atteso, era infatti da più’ di due anni che il Comune ci voleva fuori da XM24 millantando progetti diversi pur di cacciarci: prima una caserma, poi una Casa della Cultura e infine la costruzione di un Cohousing.  L’Amministrazione comunale di questa città, schiava quanto le destre del diktat neoliberista, agisce oramai da anni a colpi di repressione e privatizzazioni per fare della Bolognina un quartiere vetrina, imponendo un processo di gentrificazione forzata funzionale agli interessi delle oligarchie economiche che sempre più’ determinano le scelte politiche in questa città mercificata.  A nulla sono valsi gli appelli in difesa di XM24 di centinaia di cittadini, né le 10 000 persone scese in piazza per la grande manifestazione del 29 giugno 2019. Le decisioni continuano ad essere imposte forzosamente dall’alto, schiacciando i modelli di partecipazione reale presenti in città, messi al bando da ormai troppi anni.

Ex Telecom / Student Hotel

Il 6 agosto XM24 è stato sottratto a questa città da un’Amministrazione che ha dichiarato la nostra esperienza un

problema di ‘ordine pubblico’ che va contro lo ‘sviluppo sociale’ in Bolognina. Sarebbe interessante capire di quale ‘sviluppo sociale’ parla l’Amministrazione: del processo di militarizzazione della Bolognina, della costruzione dello Student Hotel (un ostello/studentato per ricchi) o del cantiere tuttora aperto del faraonico progetto residenziale della Trilogia Navile? Lo chiamano ‘sviluppo sociale’, ma significa ‘decoro’ e speculazione….

La verità è che lo sgombero di Xm24 ha aperto una ferita e lasciato un grande vuoto nel quartiere Bolognina e in città.   Infatti, ad un anno dalle ruspe, l’urgentissimo cantiere del Cohousing non è affatto partito ed anzi il progetto ha già subito nuove (brutte) varianti e una consistente lievitazione dei costi di costruzione, trasformandosi nell’ennesima macchina mangiasoldi.

La Comunità che girava attorno a XM24 è tuttora senza casa nonostante l’impegno sottoscritto dal pluri assessore Matteo Lepore lo stesso giorno dello sgombero, quando le/i compagnx erano ancora asserragliatx sul tetto, nel quale si impegnava a trovare una nuova sede per XM24 entro il 16 novembre dello stesso anno a partire da una serie di spazi pubblici in stato di abbandono da noi proposti come alternativa.  Fin da subito è stato evidente come non ci fosse nessuna volontà da parte delle istituzioni di trovare una soluzione reale e percorribile per la nostra esperienza. Uno dopo l’altro tutti gli spazi oggetto della trattativa sono stati scartati dall’amministrazione, mentre sul piatto è comparso uno stabile mai menzionato prima situato vicino alle piste dell’aeroporto, scelta che avrebbe rappresentato un Daspo per la nostra comunità e campo libero alla speculazione in Bolognina, un quartiere oggi ormai completamente smembrato, svenduto, cantierizzato, svuotato da ogni esperienza di socialità solidale autogestita.   

Di fronte alla sordità dell’amministrazione, abbiamo deciso di riprenderci in quartiere uno spazio da restituire alla città e il 16 novembre 2019 è stata occupata l’ex caserma Sani, di petto e di cuore, per dimostrare come l’autodeterminazione di teste e cuori possa dare luogo all’impossibile. In pieno inverno centinaia di persone con un lavoro mastodontico hanno reso una caserma abbandonata da decenni un luogo attraversato e attraversabile. Mentre le urgenze sociali e ambientali avrebbero imposto il contrario, il 16 gennaio 2020 anche l’ex Caserma Sani è stata sgomberata. Sgomberare per speculare, sgomberare per svendere. Sgomberare per togliere spazi di libertà e pensiero critico.    Nel frattempo, l’emergenza sanitaria data dal Covid ha sconvolto le esistenze di tante e tanti ed esacerbato le criticità della società in cui viviamo. La gestione securitaria della pandemia ha spianato la strada alla repressione già in atto. A maggio di quest’anno il parco adiacente a quello che fu XM24 è stato distrutto con un’azione vile un giovedì pomeriggio, a poche ore dal mercato contadino di Campi Aperti e poi recintato: l’ennesimo abuso di potere con la scusa di un cantiere inesistente. Sono state divelte fioriere e panchine attorno agli alberi piantati in memoria del nostro compagno Rocco, sradicate le aiuole, distrutti tavoli, sedie e tutto quanto era stato costruito con cura dalla spinta della libera socialità che si era venuta a creare in questo luogo a partire dal giorno dello sgombero di XM24. Non paghi di averci privato dei nostri spazi autogestiti, ci hanno voluto togliere anche la libertà di incontrarci in un parco, perché chi come noi non è addomesticabile non è funzionale a questo sistema, e perciò deve scomparire.   

Ci troviamo oggi di fronte ad un bivio: da un lato il sistema economico capitalista neoliberista votato al denaro e alla produzione, dall’altro la possibilità di essere una comunità che sappia accogliere e sviluppare reali processi dimutuo aiuto e riappropriazione, che sappia prendersi cura di tutte e tutti, senza lasciare nessunx indietro. Senza lasciare barche alla deriva, in attesa della morte o di nuovi aguzzini. Fuori il mondo non migliorerà, nessuno dice che sia semplice, ma conosciamo l’amore di cui siamo capaci: quell’idea folle che viene colta e diventa forza collettiva, sogno ad occhi aperti, dragone bianco su cui volare, quel profumo di libertà che da soli non potremmo mai costruire ma che in tante/i possiamo realizzare.                                                          
Non ci arrendiamo. La “melassa anarcoide senza referenti” r/esiste ancora e non si fermerà.  Il nostro Galeone continua a navigare spinto dalla forza della burrasca, della necessità della non omologazione perché siamo nave dei folli e non vogliamo la normalità strumentalizzata dal potere.  Continuiamo a lottare perché possano esistere tanti altri luoghi come XM24, spazi di autogestione e critica al sistema che sono un prezioso argine alla furia neoliberista che fagocita ogni cosa creando disuguaglianza, povertà, distruzione dell’ambiente.   Oggi 6 agosto 2020 la rabbia è forte, ma l’amore per la lotta lo è ancora di più.Siamo determinatx a trovare uno spazio in città per riprenderci gli Spazi di vita e di (R)esistenza di cui abbiamo bisogno!Tocca fa’ qualcosa!  
Bolognina, 6 agosto 2020

6 Agosto 2020
@17:30–21:00
parco dietro XM24
Via Gobetti
Bologna

https://www.facebook.com/events/389508885363591/

Xm24Ghosthousing – Il fantasma del cantiere

Ad un anno dallo sgombero il nostro Galeone vola ancora.

Tutte e tutti i sopravvisutx al Nulla, ai finti cantieri, al caldo, ai posti di blocco, sono invitax al parchetto dietro xm24 (via Gobetti) dalle 17:30 per l’inaugurazione del cantiere fantasma!

Radio Spore, piscina volante, guerra di gavettoni, taglio del nastro e sorprese!
Porta il tuo contributo per allestire la recinzione del cantiere fantasma, il tuo #rivoglioxm24perchè

Puoi contribuire anche se non sei a Bologna! Mandaci le tue foto o i tuoi messaggi alla mail 6agostoxm24@autistici.org
Qui trovi tutti i contributi a Xm24!!
http://www.ecn.org/xm24/2020/08/04/verso-il-6-agosto-xm24ghosthousing-i-contributi/

#xm24toccafaqualcosa

http://www.ecn.org/xm24/2020/08/04/verso-il-6-agosto-xm24ghosthousing-i-contributi/

Due giorni di Tavole Rotonde col Virus al Centro

Primo incontro: Mercoledi’ 1/7/2020 dalle ore 18 alle 22

@Casa del Popolo 20 Pietre, via Marzabotto 2 – Bologna

Secondo incontro: Domenica   5/7/2020 dalle ore 11 alle 22

@ Parco delle Caserme Rosse, via di Corticella 147 – Bologna

————————————————————————————————————-

Abbiamo il piacere di invitare tutte e tutti alla I edizione di un’iniziativa che nasce dall’urgenza di fare chiarezza sullo stato delle ricerche relative alla pandemia di covid 19 in corso ma anche su quelle che verranno, per orientarsi fra le tante voci contrastanti, se non diametralmente opposte, circa natura del virus e strategie plausibili di convivenza.

Crediamo che, a sei mesi dall’inizio di una pandemia con un bilancio di più di 30000 morti solo nel nostro paese, sia necessario aprire un dibattito pubblico sulla sua gestione come fenomeno anche in termini di condivisione e aggiornamento dei dati disponibili. Fino ad ora abbiamo assistito ad un racconto parziale, confuso, contraddittorio e monotematico che non è riuscito ad andare oltre all’esposizione ossessiva di misure di contenimento, spesso in aperto contrasto fra loro e con le raccomandazioni di una larga fetta della comunità scientifica.

Sentiamo il bisogno di analizzare dal basso il fenomeno Covid 19 in tutte le sue sfaccettature spogliandolo dell’enfasi reazionaria e oscurantista che l’ha accompagnato fino ad ora e che rischia di provocare essa in primis una delle più drammatiche crisi sociali ed economiche della storia. Il convegno è stato pensato come un percorso di apprendimento e confronto fra più punti di vista sulla pandemia, articolato in due incontri. Entrambi gli incontri vedranno il coinvolgimento di medici, infettivologi, epidemiologi, infermieri, operatori delle RSA e reti locali di solidarietà dal basso e verranno toccati tra gli altri i seguenti argomenti:

– Incidenza della paura e della solitudine su contagio e decorso della malattia, e loro correlazione con i decessi nelle categorie a rischio o presunte tali (anziani, pazienti conblogger, malattie pregresse, immunodepressi)

– Ambiente e contagio: responsabilità degli allevamenti intensivi e dell’inquinamento dell’aria nella diffusione del virus

– Approcci terapeutici a confronto (Dispositivi di protezione individuale e collettiva, con relativo approvvigionamento e smaltimento, vs terapie attualmente in uso, al vaglio o in sperimentazione)

PRIMO INCONTRO – Mercoledi’ 1 luglio 2020 ore 18 – 22
alla Casa del Popolo 20 Pietre, via Marzabotto 2 (Bologna)

L’incontro sarà volto all’autoformazione, è aperto ma rivolta ad un numero limitato di persone per via dello spazio disponibile. Pertanto è estremamente gradita la conferma di presenza, da inviare via mail a: covicovi@indivia.net.

Moderano l’incontro: Keivan Kaveh (Neurologo presso l’ospedale Maggiore di Bologna) e Maria Laura Mascelloni (Colllettiva Convivi col Covid).

Interverranno i seguenti relatori:

  1. Leonardo Setti – Biochimico all’Università di Bologna e fondatore di Aria Pesa. Si occupa fra l’altro delle relazioni circa l’effetto dell’inquinamento da particolato atmosfericollettivo antipsichiatricoco e la diffusione di virus nella popolazione
  2. Fabio Trapani – Infettivologo presso il Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale Sant’Orsola
  3. Gianni Tognoni – Epidemiologo e presidente del Tribunale Permanente dei Popoli
  4. Vito Totire – Medico del lavoro e portavoce delle associazioni AEA (Associazione Esposti Amianto), Chico Mendes e Francesco Lo Russo
  5. Alberto Giorni – Guardia medica a Perugia durante il Lockdown, Psicoterapeuta e Medico di base
  6. Lab57 – progetto autogestito di riduzione del danno provocato dall’abuso di sostanze psicoattive legali ed illegali nato all’interno del CSO Livello 57 e poi attivo all’interno dello Spazio Pubblico Autogestito XM24- interverrà su incidenza o meno dell’uso di sostanze nel contagio covid e sul problemi di abuso/astinenza sostanze durante il lock-down
  7. Collettivo AltreMenti Educattive – collettivo antipsichiatrico attivo all’interno dello Spazio Pubblico Autogestito XM24. Interverrà sulle problematiche socio-sanitarie evidenziate dal lockdown e gli abusi legati alla gestione istituzionale  della pandemia.

SECONDO INCONTRO – Domenica 5 luglio 2020 all’interno di una giornata di socialità e comunità che si svolgerà dalle ore 12 alle 22 presso il Parco delle Caserme Rosse, via di Corticella 147 (Bologna)

L’incontro aperto a tutte e tutti si terrà dalle ore 15 alle ore 19 ed è finalizzato all’approfondimento dei vari argomenti attraverso un dibattito allargato a cui parteciperanno diversi relatori e in cui verrà incoraggiata l’interazione col pubblico.

Ore 12 Allestimento – Allenamento aperto di box con la Palestra Popolare Teofilo Stevenson – Jam di giocoleria e tessuti – Immagini dal Lockdown – mostre fotografiche a cura di Michele Lapini e Muro Parlante/Bolotov

Ore 13 Pranzo Sociale Popolare

Ore 13 – 15 Chill out e chiacchiere all’ombra degli alberi – Selezioni musicali a cura di Maddybwoy

Ore 15 – 19 Secondo incontro del Convegno Convivi con il Covid

Moderano l’incontro: Keivan Kaveh (Neurologo presso l’ospedale Maggiore di Bologna) e Maria Laura Mascelloni (Colllettiva Convivi col Covid)

Interverranno i seguenti relatori:

  1. Giorgio Ferrari – Storico, studioso di metodologia della ricerca scientifica e fondatore di Radio Ondarossa
  2. Fabio Trapani – Infettivologo presso il Reparto di Malattie Infettive dell’Ospedale Sant’Orsola
  3. Maria Di Girolamo – Dirigente medico AUSL di Modena
  4. Collettivo AltreMenti Educattive- collettivo antipsichiatrico
  5. MIT – Movimento Identità Transgender
  6. B-Side- Rete GLBTQI
  7. Colonna Solidale Autogestita
  8. Rete No Panic/Labas
  9. Collettivo Migranti Colibri’
  10. USB – Unità Sindacali di Base

(la lista è in aggiornamento)

Ore 19-21 Aperitivo mangereccio – Canti sociali con il Coro di XM24 – Selezioni musicali a cura di Maddybwoy

Ore 21 – 22 Jam acustica blues con i Speed Ray VaughSpettacoli danzanti e Jam di fuoco

Portatevi dei teli per sedervi piu’ comodamente sul prato!

Vi aspettiamo numerose/i!!

Collettiva Co.Co.Co.

Il Lab57 vi invita a partecipare purtroppo solo virtualmente alla
Festa della SEMINA 2020 organizzata dal C.I.F.A.B. – Collettivo Indipendente Fatti Bene del c.s.a. Pacì Paciana di Bergamo

𝗣𝗲𝗻𝘀𝗶 𝗰𝗵𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝘀𝗶𝗮 𝘂𝗻 𝗿𝗲𝗮𝘁𝗼 𝗳𝘂𝗺𝗮𝗿𝗲 𝗺𝗮𝗿𝗶𝗷𝘂𝗮𝗻𝗮?
𝗦𝗲𝗶 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗮 𝗹𝗶𝗯𝗲𝗿𝗮 𝗰𝗼𝗹𝘁𝗶𝘃𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗺𝗮𝗿𝗶𝗷𝘂𝗮𝗻𝗮?
𝗦𝗼𝘀𝘁𝗶𝗲𝗻𝗶 𝗰𝗵𝗲 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗶𝗯𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶𝘀𝗺𝗼 𝗮𝗯𝗯𝗶𝗮 𝗳𝗮𝗹𝗹𝗶𝘁𝗼?
𝗦𝘂𝗽𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮 𝗹𝗮 𝗹𝗼𝘁𝘁𝗮 𝗮𝗻𝘁𝗶𝗽𝗿𝗼𝗶𝗯𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶𝘀𝘁𝗮!

Purtroppo abbiamo dovuto annullare la Festa della Semina a causa delle misure messe in atto dal c.s.a. Pacì Paciana in contrasto al virus.

Non rattristarti, la buona notizia è che faremo una DIRETTA STREAMING fatta bene!

👉 www.twitch.tv/collettivofattibene 👈

Diversi relatori ed interventi informativi 🗣 canapa comedy 🎭 video tutorial sulla coltivazione 🌱 e sulla preparazione dei biscotti spaziali aka “pan di sberle” 🍪 e nel finale… live show & dj set roots / dub /reggae / dnb 🎧

DOMENICA 12 APRILE 2020:
PASQUA VERDE 🌱💚

𝗗𝗜𝗥𝗘𝗧𝗧𝗔 𝗦𝗧𝗥𝗘𝗔𝗠𝗜𝗡𝗚 𝗣𝗘𝗥
𝗙𝗘𝗦𝗧𝗘𝗚𝗚𝗜𝗔𝗥𝗘 𝗟𝗔 𝗦𝗘𝗠𝗜𝗡𝗔
https://www.facebook.com/events/2664422800447974/

👉www.twitch.tv/collettivofattibene 👈
➡ Inizio diretta alle 18:00 ‼

Ecco la scaletta dello streaming:

➥ CONSULENZA LEGALE: intervento dell’avvocato Elia De Caro di Antigone
➥ RIDUZIONE DEL DANNO E LIMITAZIONE DEI RISCHI: approfondimenti con le Cooperative Bessimo e Il Calabrone di Brescia
➥ APPROFONDIMENTO ANTIPRO: intervento a cura del Collettivo Indipendente FAtti Bene
➥ MANIFESTO PER LA CANNABIS LIBERA: a cura dell’associazione FREE WEED
➥ ESPERIENZE SENSORIALI DI UN NON VEDENTE: il racconto di Dj Ardiman tra canapa medica ed antiproibizionismo
➥ COLTIVA LA TUA LIBERTA’: tutorial sulla coltivazione
➥ PAN DI SBERLE: dolci ricette pronte all’uso
➥ SEMINA JAM SESSION: dj set dal salento a BG, il calore produce energia!

https://drugcheckingday.com/

Link: http://drugcheckingday.com/

Facebook dell’evento:

►►►https://www.facebook.com/events/387205148766395/◄◄◄

– per informazioni riguardo il servizio di analisi delle sostanze contatta il Lab57
>>> http://lab57.indivia.net/contattaci/
>>>Test rapido delle sostanze

Dopo oltre 20 anni di impegno pionieristico nel campo dell’analisi delle sostanze in Italia e in Europa, (vedi la nostra guida al Test rapido delle sostanze)
il Lab57 vi invita nuovamente a  partecipare alla

QUARTA GIORNATA MONDIALE ANALISI SOSTANZE (Drug Checking)!!!

La Giornata Internazionale del Drug Checking è un’iniziativa di un gruppo eterogeneo di tutte le organizzazioni che svolgono un ruolo attivo nell’ organizzazione di iniziative di riduzione del danno.

Il 31 marzo in tutto il mondo ci impegniamo per diffondere una crescente consapevolezza sulla necessità di testare le “droghe” in circolazione.
Qui si intende non solo l’analisi pratica delle sostanze, ma l’obiettivo è anche ricordare alle persone di riflettere e mettere alla prova le loro conoscenze sulle droghe e sui loro effetti. Dopo tutto, prendere un farmaco o una “droga” illegale comporta sempre dei rischi.
Aumentando la consapevolezza e la condivisione delle conoscenze speriamo di estendere le possibilità di ogni individuo e di ogni comunità per ridurre tali rischi.

Che cosa ci si può aspettare da noi il 31 marzo?

–  Risposte ad ogni tipo di domanda sulla Riduzione del danno da esperti in ogni lingua

– Suggerimenti e consigli su come analizzare le sostanze

– Come partecipare alla community e dare voce ad altre campagne internazionali

Per ricevere tutte le informazioni aggiornate Seguire questo evento o iscriversi alla mailing list sul sito web:

Link: http://drugcheckingday.com/

In che modo puoi partecipare??

Hai notizie su sostanze analizzate nel tuo territorio? Vuoi saperne di più? Conosci persone che vorrebbero poter analizzare sostanze?
Frequenta e scrivi nelle chat dedicate!!!

#DrugChecking#JustSayKnow#TimeToTest#TestIt

Quali organizzazioni stanno partecipando?
►►https://drugcheckingday.com/home-page/partners/◄◄

Cerca sulla mappa  tutti i partners a livello planetario!!
►► https://goo.gl/maps/uRzUBLwBaeN2 ◄◄

La Giornata internazionale del drug checking è un’iniziativa ospitata da un gruppo eterogeneo di organizzazioni e parti interessate che svolgono un ruolo attivo nella fornitura di servizi di riduzione del danno e dei rischi. Si tratta di una partnership tra organizzazioni e attivisti che credono che il modo migliore per tenere le persone al sicuro sia che siano informate e abbiano accesso alle scelte migliori. Sebbene non possiamo regolare o controllare il mercato delle droghe illecite, il drugchecking offre un modo per proteggere le persone che assumono droghe dal consumo di sostanze indesiderate, inaspettate o dannose.

https://dancesafe.org/testing-kit-instructions/

Sopra un esempio di Tabella dei risultati di analisi colorimetriche dal sito di https://www.dancesafe.org/, pionieri di questa pratica dal 1998, mettendo a disposizione gratuitamente tutte i risultati da Europa e USA di test di laboratorio HPLC e GC/MS comparati con analisi colorimetriche.
https://www.ecstasydata.org/results.php

https://www.facebook.com/events/489378745016610/

Sabato 25 Gennaio
Dalle 23.00 alle 7.00
Lazzaretto Autogestito
Via Fiorini, 12, Bologna


Appuntamento invernale indoor per l’ormai consolidata collaborazione tra Troublemakers e Lazzaretto, con la tekno di qualità. Saranno con noi una volta ancora per farvi ballare fino al mattino:

—> Dal Molise torna a trovarci un amico:
Drum n Bass and live scratch by Dj ElleP
https://soundcloud.com/user-472484240

—–>Dalla trinacria con furore:
-☆☆ RhythmStorm ☆☆- Liveset Tribetek ( OldSkull, PsychoQuake, Modular )
https://soundcloud.com/rhythmstormatkum

—>Dalla Lituania
– ~~Ketateka~~ – Live and dj set from Lithuania ( Disturbed SoundSystem, Small Town Underground, LT ) https://soundcloud.com/ketateka23

– Mike – ( TroubleMakers )
https://soundcloud.com/miketrouble-troublemakers

– ILfRà – ( TroubleMakers )
https://soundcloud.com/ilfra-troublemakers


– Visual Mapping By Brainfrog
https://vimeo.com/brainfrog?fbclid=IwAR3_KMEt7YAzzStPAP_GnJuXqKCR9VM5BcjM5e9jp3pT63k9vXagVWMH8us

– Esposizioni, istallazioni e Art performance a cura di Michele Liparesi e Mario Crivellari
https://www.micheleliparesi.com/?fbclid=IwAR0fKbHDcTTRPeDZMrKVgVO80Rn1zBPEf4ytwliLVVN9huE3lsqm-T2ziTM
https://youtu.be/X5SXEjz-j3Y


–>>Postazione chill out, infopoint e riduzione del danno by LAB57
https://lab57.indivia.net/

– Vinyls Shop

To enjoy the show is advised to arrive early!!! 😉

Ingresso 5 euro
via Fiorini 12 Bologna

-RISPETTO PER IL POSTO (e non solo)
-NO SPACCIO
-NO SCHIFO IN GENERALE
-I CANI LASCIATELI A CASA SUL DIVANO (come se ci fosse ancora bisogno di dirlo)
-VENITE PER DIVERTIRVI E PER BALLARE
-FASCI VARI E ODIATORI IN GENERALE NON SONO I BENVENUTI

https://www.facebook.com/events/506329610010736

Sabato 11 gennaio 2020
dalle ore 15:00 alle 23:00
CSOA Terra Di Nessuno
Via Bartolomeo Bianco 4, Genova


dalle 15 inizio workshops:
– primo soccorso,
– primo soccorso stati alterati
– formazione protocollo “analisi sostanze” e allerta
dalle 20 assemblea nazionale rete antiproibizionista RDD

— e a seguire……..

https://www.facebook.com/events/952619028428540/

LL’anno nuovo ci piace iniziarlo col botto!
Come ogni gennaio festone tekno benefit per supportare lotte e progetti che riteniamo importanti. Quest’anno il nostro sostegno va ai dipendenti in lotta della Newgel di Genova, un esempio di determinazione e coscienza collettiva.
LA SOLIDARIETA’ E’ UN’ARMA: USIAMOLA!

Per l’occasione si alterneranno su due sound dalla sera alla mattina diversi dj genovesi e altri da svariate parti delle penisola che condividono con noi questa giusta causa e saranno felici di farvi ballare per più di 12 ore di fila!!!!
Non mancherà lo spettacolo per gli occhi con il visual show.
E ci saranno come sempre i ragazzi della riduzione del danno per dare qualche informazione e test su sostanze e prevenzione nell’area chill.


____________TEKNO BENEFIT 2020___________

dalle 23.00 a 12.00 su due stage

____FUNKY BEET___(Gorilla Project)

____ALE VLZ____(Violenz)

____PUERTO RICHI___(Fresh Samba Armada-Gorilla Project-Fkb)

____HANK____(Gtk)

____BRò EL CONDOR___(Gorilla Project)

____DRUMBEAT____(Violenz)

____NEEDY____(Mad System)

____STITO____(Violenz)

____WANAGANA____(Gorilla Project)

____KERIOON____(Freak Brothers)

____FEED THE SILENCE___

____GIPSY____



VISUAL SHOW

____KARDY PROJECT___(Freash Samaba Armada-Miagkii Znak)


CHILL OUT & RIDUZIONE DEL DANNO

____MIDRIASI____

____LAB 57____ Bologna

____INFOSHOCK____ Torino


PAGANA RESORT
dalle 21 del 21-12-2019
ex caserma sani (entrata dal parco di via Parri)
Bologna

http://www.ecn.org/xm24/evento/pagana-resort/

https://www.facebook.com/events/2597769737110946/

https://t.me/xm24resiste_news

PAGANA RESORT Insania S.P.A. vi dà il benvenuto all’evento dell’anno in cui tutto risorge. Problemi di pelle morta? Colorito bluastro? Gonfiore dei tessuti? Improvvisa incontinenza? Fai fatica a svegliarti? Accettalo: sei morto!
Pagana Resort offre la soluzione a tutti i tuoi problemi.
Nella meravigliosa cornice dell’ex Caserma Sani, più sani, più belli, più vivi, insomma ri(n)sorti. Solo per stasera si può Clitornare dall’Ade attraverso la Resurrerezione appena in tempo per buttarsi nel Presepervativo vivente (copriti che fa freddo).
E se le festività ipotizzano la discesa di una colomba noi invece vi garantiamo l’ascesa della fiamma libera di una fenice/piccione infuocat*. La resurrezione è ormai un fatto accertato, quasi mainstream, folle di VIP e orde di chiunque fanno avanti e indietro sulla soglia del non ritorno.
Accorrete numeros* alla preview technicolor del giorno del giudizio. Ampio parcheggio per i vostri carri funebri, venite già morti (opzionale), servizio boia all’ingresso.
DRESS CODE: zombie, mummie, morti risorti vari.
SPECIAL GUESTS: Elvis, Horus, Orfeo, Jesus, Talyor (Beatiful), Kenny.
PROLOGO: Se sei morto davvero, morto dentro o morto di paura, risorgi e insorgi nell’orgia pagana.

– BANCHETTO SBATTEZZI

– GARA DI LIMBO PER NEO-SBATTEZZATI

– CAMERA DI TRANS-FORMAZIONE

– SEPOLCRI VIVI

– FALÓ BELLAVITA, brucia il tuo chiodo fisso.

– RESUERECTION-ROOM, perchè la morte ti fa bella ma la vita ti ribella!

– SINDONE – crea il tuo volto santo.

– ARREDA IL TUO TUNNEL: c’è luce in fondo al tunnel? Nel verificarlo, arredalo con pezzi a scelta.

– MASSAGGI NECROMANTICI con happy handing.


Comune e CDP non hanno dubbi: Sgomberare per speculare!

http://www.ecn.org/xm24/2019/12/21/comune-e-cdp-non-hanno-dubbi-sgomberare-per-speculare/

Il Nulla è di nuovo alle porte: questa volta veste i panni della Procura che ordina il sequestro preventivo dell’ex-Caserma Sani, aprendo così la procedura di sgombero dell’occupazione che da un mese ha riaperto quegli spazi a una comunità multiforme, creativa e solidale.

Lo sgombero potrebbe arrivare in qualunque momento.
L’amministrazione complice ammicca compiaciuta.

La procura dice che occupare è un reato. Ma chi è ad offendere? Chi libera apre e collettivizza, o chi sequestra un luogo pubblico alla città per oltre vent’anni promettendolo infine alla speculazione?

L’enorme assemblea pubblica di giovedì ha ribadito forte e chiaro che presidiare un luogo altrimenti vuoto e abbandonato e difenderlo contro chi vorrebbe affidare alla finanza ogni decisione sulla trasformazione della città è un atto politico e necessario.
Si aggrediscono le realtà partecipate e dal basso mentre si stringono patti con i poteri forti, sostituendo la dimensione popolare dei quartieri per alimentare la rotazione del capitale e del credito immobiliare. Quella in cui ci inseriamo è una battaglia complessiva, immersa nella “crisi” sociale, economica ed ecologica mondiale, contro porti chiusi, populismo, neoliberismo, destre, simil-destre, paura e repressione.

L’altra sera ce lo siamo dette, le lotte sociali sono la base per costruire insieme un’altra realtà: Todo para todas nada para nosotras!

L’amministrazione collabora a questa futura svendita: è il Comune che ha stretto patti con Cassa Depositi e Prestiti, sono i Piani Operativi Comuniali (POC) che assegnano le quote a destinazione alberghiera e commerciale sull’area, ed è sempre l’amministrazione che vorrebbe spacciare un nuovo esproprio ai danni della collettività come una grande occasione per il quartiere.

È fresca fresca di ieri la notizia! Merola ha tirato fuori la sua perla di natale annunciando “novità”, guarda un po’, proprio sull’exCaserma Sani “un incontro molto positivo per sbloccare l’opera, che entrerà in questo contesto: il Passante prevede un bosco al parco Nord. Si aggiunge un’idea bellissima di collegarlo alla città con un ponte verde e di fare della Fiera un luogo di ritrovo per Bologna grazie al giardino, agli eventi e agli spettacoli. Questo è un progetto urbanistico che davvero ridisegna il volto della Bolognina”

Così il sindaco Virginio Merola ridisegna la sua Bolognina in cravatta: un mescolone di interessi che comprendono l’espansione a nord della Fiera, il tecnopolo, i progetti di Unipol per l’ex Samputensili e anche… l’ex Sani!

Su questo PD graverà il peso politico di questa nuova aggressione.

(Stanno svendendo la città – link al documento del Laboratorio di urbanistica LaBurba)

Non abbiamo bisogno di altri supermercati e altri hotel. Non ci serve Fico, nè il Tram, non ci serve un Cohousing, nè uno studentato per ricchi, nè Airbnb, nè altri nuovi dispositivi al servizio della città vetrina. “La Fiera come luogo di ritrovo“…
La procura chiede il sequestro facendosi braccio armato di una politica bieca, serva degli interessi di pochi.

Sotto l’albero di Natale o nella calza della befana troveremo uno sgombero nero carbone. Ma non sarà questa la nostra morte.
Come qualcuno ha ricordato durante la partecipatissima assemblea dell’altra sera: un altro sgombero sarà solo un nuovo invito ad alzarsi e lottare.

Si tratta della nostra stessa esistenza.

L’intenzione è di avviare una mobilitazione autogestita e dal basso sull’area dell’ ex caserma Sani.

Al nuovo Spazio si è aperta una breccia che supera l’esperienza di Xm24, le energie sono duplicate, e con loro i sogni.

Abbiamo bisogno di spazi per respirare? Abbiamo dimostrato che questi spazi ci sono.

Il 15 novembre abbiamo aperto un varco e un conflitto: un’opportunità forte di autodeterimazione dal basso sul quartiere e una lotta contro chi vuole svenderlo. Vogliamo che quei cancelli rimangano aperti, e che anzi si apra sempre di più alla collettività la possibilità di viverli e rivendicarli.

Vogliamo poter godere dei boschetti e dei prati, vogliamo recuperare gli edifici che sono un pezzo di storia e di archeologia industriale della nostra città, vogliamo trovare lì un luogo di incontro tra comunità che hanno voglia di costruire l’impossibile in Tempi impossibili.

Oltre le minacce, oltre lo sgombero, vogliamo già da oggi chiamare una nuova Assemblea pubblica il 10 gennaio per rilanciare insieme una mobilitazione forte, autogestita e dal basso sull’area dell’exCaserma Sani, con tutte le realtà e gli/le individu* che ne condividono l’urgenza e la necessità! Il pubblico non si svende!

Contro il Nulla che avanza siamo pront* a resistere, a ripartire e a contrattaccare!!

TUTTE LE INFORMAZIONI, GLI AGGIORNAMENTI E I CANALI UTILI PER SEGUIRE LA RESISTENZA A QUESTO LINK 
https://www.autistici.org/xm24resiste/

APPUNTAMENTI:
(Non sappiamo quando arriveranno, ma intanto immaginiamo)

SABATO MATTINA: Mercato contadino di Campi aperti. Durante il mercato: viaggio alla scoperta del mondo magico delle immagini in movimento con l’Èclaireur: proiezione di cortometraggi, spettacoli di marionnette e giochi di luce. Abbandona il reale per un momento.

SABATO SERA: PAGANA RESORT! Insania S.P.A. vi dà il benvenuto all’evento dell’anno in cui tutto risorge! Accorrete numeros* alla preview technicolor del giorno del giudizio!

LUNEDÌ 23 E MARTEDÌ 24 DICEMBRE Allerta solidarietà e colazioni resistenti!
(Segui gli aggiornamenti!)

27-28-29 DICEMBRE Jam di inziative resistenti! Chiamata libera per laboratori ed iniziative allo Spazio

31 DICEMBRE Cenone Intergalattico di Capodanno – una cosa mai vista!! – Perchè forse non la vedremo mai.

***** 10 GENNAIO Assemblea autogestita dell’ex-Caserma Sani in liberazione *****

OGNI MATTINA COLAZIONI RESISTENTI!!

Temevate di annoiarvi a Natale in città?! Gli aggiornamenti vi terranno compagnia durante queste vacanze! Siateci!!


http://www.ecn.org/xm24/2019/12/21/stanno-svendendo-la-citta/

Cerca
Archivio